Home / 7 Settembre 2014

Occhi al cielo e tanta paura, i sindaci del Gargano si ribellano alla burocrazia: “Abbiamo progetti fermi da anni”

Il Capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli ha elogiato tutti alla fine di un vertice durato circa un’ora e mezza. “Il Gargano – ha detto – è un territorio fragile. Violato in più parti da un evento eccezionale. Ma posso già assicurare che arriverà un contributo per la fase di emergenza che seguirà a quella di ricognizione”. Ma i sindaci del Gargano restano in ansia, tutti a guardare il cielo sperando nel sole.

Di
Cronaca / 7 Settembre 2014

Bilancio dall’inferno: 1000 sfollati, un morto e un disperso: “Un disastro ma ce la faremo anche stavolta”

Il peggio è passato ed ora è tempo di bilanci sul Gargano. L’alluvione ha portato alla morte dell’allevatore 24enne Antonio Facenna mentre il 70enne Vincenzo Blenx risulta ancora disperso. Mille i campeggiatori sfollati, 40 persone sono state evacuate a San Marco in Lamis, 15 famiglie a San Giovanni Rotondo. Ma gli operatori turistici non mollano: "È stata dura ma ce la faremo, come dopo l'incendio del 2007".

Di
Cronaca / 6 Settembre 2014

“Nessun comune in Puglia ha un piano delle coste. Sul Gargano troppi interventi invasivi”. Intanto arriva Vendola

Almeno trenta persone al lavoro in ufficio, altre mille sul Gargano per l’emergenza maltempo. Si è conclusa poco fa la conferenza stampa in prefettura a Foggia per fare il punto della situazione. L’assessore regionale, Guglielmo Minervini ha dichiarato: “In pochi giorni si è visto un quantitativo d’acqua che di solito cade in un anno". Di Gioia attacca: "Nessun comune in Puglia ha presentato un piano delle coste".

Di
Cronaca / 6 Settembre 2014

Trovato morto Antonio Facenna, giovane allevatore di Vico

Trovato morto Antonio Facenna, il ragazzo di 24 anni di Vico del Gargano. Allevatore presso la masseria di famiglia adibita alla produzione di caciocavalli, Facenna era disperso dalla sera di mercoledì scorso quando era uscito da casa per verificare la situazione alla sua masseria e al bestiame che vi era custodito, nelle campagne di Carpino, flagellato da un nubifragio.

Di