Trasferimento produzione da Torino a Foggia e 25 milioni di investimenti, il piano per rilanciare l’ex Sofim

Il motore F5 insieme ad un nuovo motore di maggiore potenza traslocano dal Piemonte alla Capitanata. Previsto anche un intervento di CIG straordinaria per riorganizzazione

Novità nel mondo Fiat a Foggia. “Allo stabilimento del capoluogo dauno (ex Sofim, ndr) saranno destinati 25 milioni di euro di investimenti per la ristrutturazione”, fanno sapere in una nota le sigle sindacali FIM, UILM, Fismic, UGLM, ACQF. Il Piano Industriale presentato a Torino da CNHI per il 2020-2022, prevede una serie di interventi molto importanti per il Foggiano. Innanzitutto, il trasferimento della produzione del motore F5 da Torino a Foggia insieme ad un nuovo motore di maggiore potenza, fino al 3,5 lt. di cilindrata del quale non era previsto il lancio in Europa, ma in Asia. Inoltre, sarà effettuato un intervento di CIG straordinaria per riorganizzazione, da luglio 2021 a gennaio 2022, solo nelle aree interessate e non per tutto lo stabilimento, che dovrà continuare a produrre per i clienti di Fuso, Suzzara e altri.

Oltre ai due nuovi motori, arriveranno anche altre attività di verticalizzazione (insourcing) soprattutto di lavorazioni meccaniche che saranno meglio dettagliate in un incontro locale previsto nei prossimi giorni. Si tratta di nuove attività che permetteranno di raggiungere una maggiore saturazione degli organici. Riguardo ai nuovi clienti, come previsto dal verbale del 3 luglio scorso, questo punto sarà affrontato in uno dei prossimi incontri a livello nazionale.



In questo articolo:


Change privacy settings