Carabinieri di Cerignola setacciano Basso Tavoliere in cerca di pregiudicati: sei arresti

Due gli arresti in flagranza di reato e quattro quelli in esecuzione di altrettanti provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria

Ammonta a sei arresti il bilancio dei controlli svolti nei giorni scorsi dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola nell’ambito della vasta giurisdizione di competenza. Due gli arresti in flagranza di reato e quattro quelli in esecuzione di altrettanti provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria.

A Cerignola i militari della locale Stazione Carabinieri hanno arrestato Francesco Albanese, cl.’89, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Venezia, dovendo espiare la pena residua di 2 anni e sei mesi di reclusione per una violenza sessuale commessa nel 2012 in provincia di Verona. Dopo le formalità di rito Albanese è stato associato alla casa circondariale di Foggia.

Sempre a Cerignola sono stati arrestati Alessio Pinnelli, cl.’95, e Francesco Cassotta, cl.’68. Il primo è stato arrestato per un ordine di esecuzione emesso dalla Procura della Repubblica di Foggia, dovendo espiare 1 anno, 10 mesi e 7 giorni di reclusione per rapina una commessa a Cerignola nel marzo del 2017. Anche per Pinnelli si sono aperte le porte del carcere di Foggia. Il secondo è stato arrestato in flagranza del reato di evasione poiché, sottoposto agli arresti domiciliari per rapina, è stato sorpreso all’esterno della propria abitazione, dove è stato nuovamente ristretto.

A Stornarella, invece, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato Giuseppe Cassanelli, cl.’89, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per espiazione di una pena detentiva in regime di detenzione domiciliare emesso dalla Procura della Repubblica di Trani, dovendo espiare la pena residua di 1 anno e 4 mesi di reclusione per furto aggravato.

A Margherita di Savoia, poi, i militari dell’Arma locale hanno arrestato in flagranza per inosservanza degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza Francesco Gorgoglione, cl.’91, di Barletta. L’uomo, obbligato a soggiornare nel comune di Barletta, è stato sorpreso senza autorizzazione a Margherita di Savoia, dove è stato controllato dai Carabinieri mentre era alla guida di una Ford Focus. Dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

A San Ferdinando di Puglia, infine, i Carabinieri hanno arrestato Pierluigi Quaglietta, cl.’90, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Foggia in sostituzione della misura degli arresti domiciliari a cui si trovava sottoposto. Il provvedimento è scaturito dalle violazioni alle prescrizioni impostegli, accertate e segnalate alla Procura dai militari della locale Stazione.