Cocaina e stecche di hashish, doppio arresto dei carabinieri di Cerignola. In manette giovani di Margherita e Trinitapoli

Continuano senza sosta i servizi di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti. Due arresti in flagranza

Prosegue incessante l’attività antidroga dei carabinieri della Compagnia di Cerignola. Nei giorni scorsi i militari delle Stazioni di Margherita di Savoia e Trinitapoli, nel corso dei servizi di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, hanno arrestato in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti Cosimo Damiano Pavone, classe ’91 di Margherita di Savoia e Gianluca Zecchillo, classe’83 di Trinitapoli.

Il primo, nel corso di una perquisizione presso la sua abitazione a Margherita di Savoia, è stato trovato in possesso di 16 involucri contenenti cocaina per un peso complessivo di circa 3 grammi. Lo sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro. Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, dopo le formalità di rito è stato condotto nel carcere di Foggia.

Il secondo, anch’egli già noto alle forze dell’ordine, nel corso di una perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 17 involucri contenenti cocaina per un peso complessivo di 8,5 grammi circa, 3 “stecche” di hashish per un peso complessivo di circa 4,5 grammi, un bilancino di precisione e vario materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente. Droga e materiale sono stati sottoposti a sequestro. Anche per Zecchillo, dopo le formalità di rito, si sono aperte le porte del carcere di Foggia.



In questo articolo: