“Neanche con un dito”: Il Cuore Foggia in prima linea nel contrasto alla violenza di genere

Convegno e fiaccolata il 24 novembre a Lucera. Jole Figurella: “Il fenomeno è preoccupante: in crescita e rilevante nelle coppie adolescenti”

“Neanche con un dito”. Questo il titolo del convegno organizzato sabato 24 novembre, a partire dalle ore 16.00 presso il Circolo Unione di Lucera, in Piazza Duomo, da Il Cuore Foggia – delegazione di Lucera, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.
Obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare i cittadini al contrasto di un fenomeno che quotidianamente e prepotentemente riempie i notiziari e le pagine di cronaca.
L’evento affronterà ambiti diversi, da quello giuridico all’azione collettiva, con un particolare riferimento alla differenza di genere.

“Ci sono dati e studi a confermarlo – sottolinea Jole Figurella, Presidente de Il Cuore Foggia – la violenza è un fenomeno in crescita e rilevante nelle coppie adolescenti. Nell’immaginario collettivo le prime esperienze d’amore in adolescenza evocano momenti di felicità e spensieratezza, la messa in gioco nel rapporto con un’altra persona. Tuttavia, può accadere che, proprio in questa fase della vita, i giovani si trovino a vivere esperienze molto diverse da quelle immaginate, spesso senza rendersi conto di quanto stia succedendo loro e senza sapere come e a chi rivolgersi per chiedere aiuto. Di violenza di genere in adolescenza se ne parla poco, eppure sono numerosi i ragazzi che subiscono prevaricazioni digitali, psicologiche e fisiche all’interno della coppia, a partire dagli 11 anni di età. È importante non sottovalutare tutti questi aspetti, perché la violenza di coppia in adolescenza può diventare violenza domestica in età adulta. Pertanto, è indispensabile un’attenta analisi di quello che è il contesto sociale e culturale nel quale ragazzi e adulti si trovano a vivere, un contesto ancora fortemente permeato, anche a livello mediatico, da modelli stereotipati di maschile e femminile e rapporti tra i sessi poco improntati alla parità. Avere la possibilità di proporre percorsi di riflessione e di messa in discussione degli stereotipi sui ruoli di genere può permettere agli adolescenti di favorire lo sviluppo del senso critico e rompere questo muro di silenzio. È quindi fondamentale prestare loro attenzione, offrire uno spazio di ascolto non giudicante, rispettare i loro tempi e fornire le informazioni corrette sui servizi a disposizione”.

Interverranno al convegno Cristina Finizio, vicequestore e dirigente del Commissariato di Lucera, che parlerà dei profili giuridici e applicativi sul tema della violenza di genere; Antonietta Clemente, avvocato del CAV di Lucera che tratterà il tema della violenza assistita dei minori; la sociologa Luisa Rendinella, che affronterà la differenza di genere, con particolare riferimento agli stereotipi e pregiudizi; la psicologa Arianna Pedone, che illustrerà il tema della parità di genere vista dagli adolescenti, analizzando i risultati dei questionari somministrati presso scuole medie e superiori. Terminerà il convegno Franco Di Gioia, Assistente Capo della Polizia Penitenziaria, che illustrerà le tecniche base di autodifesa femminile. Nel corso del convegno è prevista l’esibizione canora di Alessia Carelli.

Al Convegno seguirà, alle ore 19.00, una fiaccolata in Piazza Duomo, con la partecipazione del gruppo di danza “Ballet School”, che si esibirà in anteprima in un Flashmob dedicato alle donne; seguiranno il lancio delle lanterne e un’esibizione musicale.
“Ringraziamo l’Amministrazione Comunale di Lucera per aver concesso il patrocinio e i relatori per aver accettato il nostro invito. Un particolare ringraziamento – sottolinea Jole Figurella – va al Presidente del Circolo Unione di Lucera, Vincenzo Bizzarri, per averci concesso gratuitamente la sala di rappresentanza”.
Il convegno è stato coorganizzato dai Clown Dottori Paola Obbedio, Marianna Tremonte, Carmela Pulzella e Rosanna Di Muro.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come