Un “tappeto musicale” per piccoli pazienti, la scienza del suono approda a San Giovanni Rotondo

Il produttore statunitense Biodex e l’Azienda “a-circle s.p.a.” di San Pietro in Casale (BO), hanno deciso di trasferire la proprietà della apparecchiatura tecnologica alla Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus

La terapia riabilitativa che integra la musica (MAT, Music Assisted Therapy) esprime i suoi potenti effetti nel trattamento dei disturbi del movimento. Per Parkinson, ictus e paralisi cerebrale sempre in aumento, l’offerta di accesso alla musicoterapia non sempre soddisfa la domanda. 

L’Azienda Biodex ha collaborato con il Center for Music Therapy di Austin in Texas e il Movement Tracks Project per dotare il Gait Trainer 3 di brani musicali composti da musicoterapisti e finalizzati ad ampliarne l’uso clinico per migliorare la deambulazione degli assistiti.

Per il notevole utilizzo professionale effettuato in circa 18 mesi di comodato d’uso, per la ricerca applicata, per le “attenzioni scientifiche” dell’equipe del laboratorio riabilitativo tecnologico de “Gli Angeli di Padre Pio”, il produttore statunitense Biodex e l’Azienda “a-circle s.p.a.” di San Pietro in Casale (BO), hanno deciso di trasferire la proprietà della apparecchiatura tecnologica alla Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus.

Si tratta di una donazione di importante valore economico, ma soprattutto scientifico.

Il Presidente e il CdA della Fondazione, ma anche tutti i Frati Minori Cappuccini della Provincia Religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio, insieme agli Operatori dell’Ente, hanno ringraziato cordialmente queste aziende che, credendo nell’apporto scientifico e di ricerca della Fondazione, hanno voluto donare un’apparecchiatura innovativa che va ad aggiungersi all’imponente dotazione tecnologica del Laboratorio Riabilitativo Tecnologico de “Gli Angeli di Padre Pio”. Contestualmente, è stato ugualmente doveroso ringraziare tutti i Professionisti che quotidianamente operano in prima linea con le loro competenze e la loro conoscenza a beneficio della particolare e delicata utenza che si rivolge a questi servizi.

 Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come





Change privacy settings