Recinzioni divelte, nuovo sfregio a Parcocittà. Si sospetta atto intimidatorio

Dopo la macchina incendiata a Peppino D’Urso attuale presidente del TPP, si registra un altro episodio alquanto preoccupante

Ieri sera al Parcocittà a Foggia per l’Estate d’Autore si proiettava per il cinema al parco, “ L’Arte di essere Amici (Final Portrait), il film di Stanley Tucci. Ma gli operatori al loro arrivo nello spazio del Parco San Felice hanno trovato la recinzione divelta, sradicata.

“Occorre che tutte le forze vive della città ci aiutino a sostenere questa battaglia contro la criminalità”, ha detto a l’Immediato Tommaso Campagna della Fondazione Apulia Felix, tra gli animatori di Parcocittà e responsabile della rassegna d’autore.

Dopo la macchina incendiata a Peppino D’Urso attuale presidente del TPP, un nuovo sfregio, dunque. In molti suppongono che l’atto intimidatorio abbia la stessa provenienza e che i numerosissimi eventi serali di Parcocittà abbiano indispettito i venditori della zona, dal momento che anche nell’arena, quando ci sono manifestazioni notturne, dopo le 20.30 si vendono bibite. Parcocittà con la sua presenza importante estiva ha illuminato alcune aree di spaccio.

Nelle serate scorse è anche ritornato sulla spianata del parco, il chioschetto abusivo, con un suo piccolo gazebo e l’illuminazione. La situazione resta incandescente.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come