Donne “tra lacrime e sorrisi”, a Foggia lo spettacolo promosso dalla Consigliera di Parità

L’appuntamento sarà occasione per riflettere sugli stereotipi che ancora oggi interessano il mondo femminile, sulle sudate conquiste, sui riconoscimenti faticosamente ottenuti, ma anche sulle violenze di cui continuano ad essere vittime

Venerdì 23 marzo, alle 17.30, nella Sala del Tribunale di Palazzo Dogana, andrà in scena il recital “Parliamo di donne. Storie, pensieri, musica e parole intorno alle donne, con qualche lacrima e molti sorrisi”. Uno spettacolo promosso dalla Consigliera di Parità della Provincia di Foggia, Antonietta Colasanto, inserito nel più ampio percorso “La vie en rose” che, dall’inizio dell’anno, si sta declinando in una serie di attività tese a valorizzare il ruolo della donna sul territorio, proponendo i diversi ruoli che la figura femminile ricopre nella e per la società.

L’appuntamento sarà l’occasione per riflettere sugli stereotipi che ancor oggi interessano le donne, sulle sudate conquiste, sui riconoscimenti faticosamente ottenuti, ma anche sulle violenze di cui continuano ad esser vittime, il tutto attraverso la formula del recital, teatro e musica, che poterà in scena la rivisitazione di grandi autori.

Guidate da Maria Staffieri, autrice ed attrice dello spettacolo, Giustina Ruggiero, Marilena Salvatori e Amalia Ponziano hanno costruito un canovaccio – canti e balli- che rifletterà le loro molteplici esperienze teatrali e la loro brillante creatività. Prevista, a corredo, anche la video proiezione di immagini che ripercorreranno le fasi storiche che hanno portato all’8 marzo, riproponendo volti femminili importanti, che hanno fatto la storia, soprattutto in ambito culturale.

In scena anche un giovane attore foggiano, Armando Granato, formatosi a Roma, l’istrionico Amedeo De Paolis, che reciterà un monologo, e la danzatrice Erica Mercaldi, del Collettivo Osmosis Danza. Musiche a cura di Michele Dell’Anno, compositore, che accompagnerà dal vivo lo spettacolo con la sua fisarmonica.

 





Change privacy settings