Monsignor Pelvi al Don Uva di Foggia: “La città ha bisogno di più sobrietà e solidarietà”

“Siete chiamati ad essere costruttori del bene comune e artefici di un nuovo umanesimo del lavoro. Siete chiamati a tutelare la professionalità e al tempo stesso a prestare attenzione alle condizioni in cui il lavoro si attua, perché non abbiano a verificarsi situazioni di disagio”. Così Monsignor Vincenzo Pelvi, arcivescovo metropolita di Foggia-Bovino, rivolgendosi al dottore Paolo Telesforo, Amministratore Delegato di Universo Salute – Opera Don Uva, al Presidente del CDA di Universo Salute, Michele D’Alba, e a tutta la dirigenza presente con i dipendenti e gli Ospiti all’affollata celebrazione eucaristica svoltasi questa mattina presso il teatro della sede dell’Opera Don Uva di Foggia.

“La legge suprema – ha aggiunto l’arcivescovo – sia in tutto l’attenzione alla dignità dell’altro, valore assoluto e indisponibile. Sia questo orizzonte di altruismo a contraddistinguere il vostro impegno: esso vi porterà a rifiutare categoricamente che la dignità della persona venga calpestata in nome di esigenze produttive, che mascherano miopie individualistiche, tristi egoismi e sete di guadagno. Per vincere la sfida della disoccupazione – secondo Monsignor Pelvi – occorre un sussulto di impegno e di responsabilità da parte delle forze politiche, di qualsiasi colore, come pure delle forze sociali, culturali e di tante energie vive del nostro territorio. La Città – ha sottolineato ancora una volta l’arcivescovo di Foggia – ha bisogno di cittadini che non si preoccupano solo dei loro interessi. Dinanzi alla crescente crisi economica, a tutti si chiede più sobrietà e solidarietà, per venire in aiuto specialmente alle persone e alle famiglie in serie difficoltà: non si può combattere la miseria se non si cerca di fare uguaglianza, riducendo il dislivello tra chi spreca e chi manca del necessario. Quanti drammi – ha aggiunto l’arcivescovo – sperimentano tante famiglie, con adulti e giovani perennemente alla ricerca di occupazione: quanti cercano un lavoro e non lo trovano e subiscono una intollerabile perdita di identità personale e familiare. La mancanza di lavoro uccide”. Concludendo, Pelvi ha augurato alla comunità di Universo Salute di essere lievito di serenità sociale ringraziando i presenti per l’impegno e per tutto il bene che potrete fare.

Commosso l’Ad Paolo Telesforo, che nel rivolgere all’arcivescovo il ringraziamento a nome dell’intera comunità, ha assicurato il massimo impegno per il rilancio dell’Opera Don Uva: “Le parole di Sua Eccellenza ci riempiono di gioia, orgoglio e soprattutto ci incoraggiano a proseguire su un percorso certamente difficile, ma non impossibile. Sono felice nel vedere la serenità sul volto di tanti Ospiti presenti oggi a questa cerimonia. È stata una giornata particolare, indimenticabile, che vorrei dedicare alla memoria della dottoressa Giovanna Morra (Dirigente della Asl FG – ndr) scomparsa prematuramente nelle ultime ore: una donna coraggiosa, una professionista da sempre vicina all’Opera Don Uva di Foggia, che ora ci guarderà e guiderà dall’alto, chissà, al fianco di Don Uva…”.

Dal canto suo, il Presidente del CDA di Universo Salute, Michele D’Alba, si è detto “onorato e commosso” per quanto dichiarato da Monsignor Pelvi: “Un messaggio toccante, su temi di scottante attualità. Ma soprattutto un ulteriore incoraggiamento per noi – ha detto al termine della cerimonia – ad affrontare con adeguata determinazione questa sfida, naturalmente nel solco tracciato da Don Pasquale Uva”.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come