Via libera al progetto per i lavori su SS16 (Foggia-San Severo) e tangenziale: investimento da 240 mln

Raffaele Piemontese: “La croce su cui queste grandi opere sono inchiodate è quella dei tempi amministrativi e burocratici”

La Giunta della Regione Puglia ha dato il via libera al progetto definitivo per circa 240 milioni di euro sulla Foggia-San Severo e sulla Tangenziale Ovest di Foggia. L’adeguamento del pericolosissimo tratto della Statale 16 tra Foggia e San Severo e la manutenzione straordinaria della trafficatissima e stretta Tangenziale Ovest di Foggia sono opere strategiche di grande importanza su cui sono investiti complessivamente 238 milioni e 780 mila euro.

“La croce su cui queste grandi opere sono inchiodate è quella dei tempi amministrativi e burocratici – ha commentato il vicepresidente della Regione Puglia, Raffaele Piemontese -. Dal 27 settembre in cui il commissario straordinario ci ha richiesto il parere sul progetto definitivo a lunedì 21 novembre scorso quando lo abbiamo approvato in Giunta, sono passati 55 giorni: 5 in meno di quelli accelerati previsti dalla normativa cosiddetta ‘Sblocca Cantieri’, meglio definita nel 2019 per mettere in equilibrio trasparenza, velocità e sicurezza nel Codice degli Appalti, quando era ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Paola De Micheli.

A giugno di quest’anno sottoscrivemmo un protocollo d’intesa con l’ANAS per disciplinare le modalità operative su questi e altri interventi che erano stati individuati nel 2021 in due Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il 27 settembre il Commissario Straordinario, Domenico Macrì, ha richiesto l’intesa per l’approvazione del progetto. Nella prima quindicina di questo mese – conclude – si sono espressi quattro settori regionali: il direttore del Dipartimento Ambiente, Paesaggio e Qualità Urbana Paolo Garofoli, il direttore del Dipartimento Mobilità Vito Antonacci, il direttore del Dipartimento Bilancio, Affari generali e Infrastrutture Lino Albanese e il direttore del Dipartimento Agricoltura Sviluppo rurale e ambientale Gianluca Nardone. Questa sfida per accorciare al massimo i tempi delle autorizzazioni è la questione delle questioni per modernizzare il Sud e l’Italia”.



In questo articolo: