Parco del Gargano, sarà potenziata la rete sentieristica del bosco didattico di San Marco in Lamis

Pazienza: “Un primo intervento che va nella direzione del recupero e della riqualificazione della sentieristica esistente nell’area parco”

L’Ente parco nazionale del Gargano ha proceduto all’affidamento dei lavori per il potenziamento e la valorizzazione della rete escursionistica del Bosco Didattico di San Marco in Lamis.

Con la realizzazione del progetto si punta a rafforzare non solo l’efficienza della rete sentieristica – con annesse aree di sosta – ma anche e soprattutto l’accessibilità e la fruizione dell’area protetta alle persone diversamente abili.

Nel progetto è infatti prevista la realizzazione – all’interno del comprensorio boschivo della Difesa di San Matteo, area compresa nel Parco Nazionale del Gargano – di un’area di sosta per diversamente abili nonché di percorsi accessibili.

Sono inoltre previsti: il ripristino di sentieri mediante la riprofilatura del piano di calpestio, l’esecuzione di piccoli lavori di manutenzione, la realizzazione di manufatti in legno consistenti, principalmente in tavoli, panche, staccionate etc. ed infine la tracciatura di un percorso di nordic walking. Prevista infine anche la realizzazione di una cartina dei sentieri della zona.

“Questo è un primo intervento che va nella direzione del recupero e della riqualificazione della sentieristica esistente nell’area parco che versa da anni in uno stato di semi-abbandono. L’Ente ha recentemente attivato delle risorse finanziarie, che speriamo di aumentare nel prossimo futuro, per intervenire su tutta la rete sentieristica d’interesse dell’Ente. Grazie anche al contributo di energie volontarie, l’Ente si sta dotando di una mappatura digitalizzata dei percorsi nel fermo convincimento che questa è precondizione per la loro migliore fruibilità nell’ottica di una promozione turistico-territoriale ecocompatibile basata anche su maggiori livelli di sicurezza”, ha dichiarato Pasquale Pazienza.

Il bosco didattico di San Marco in Lamis può svolgere inoltre un ruolo importante nelle iniziative di educazione ambientale rivolte alle comunità locali ma anche ai turisti per una fruizione consapevole e sostenibile dei luoghi.



In questo articolo: