Ogunseye è il nuovo bomber rossonero. Canonico: “Stiamo lavorando duramente per il Foggia”

I satanelli tra mercato e vicende societarie

“Il Calcio Foggia 1920 rende noto di aver acquisito, a titolo temporaneo con opzione di riscatto dal Modena, il diritto alle prestazioni sportive di Ibunuk Roberto Kehinde Ogunseye“, lo riporta una nota del club.

Roberto Ogunseye nasce a Mantova il 16 maggio 1995. Di ruolo attaccante, calcia con il sinistro e fa della sua strapotenza fisica – grazie anche ai 189 cm di statura – la sua arma migliore.
Nel 2013 muove i primi passi nelle Giovanili dell’Inter. Il club nerazzuro lo cede in prestito al Marano, Montebelluna, Prato e Olbia. Successivamente veste anche le maglie di Cittadella e Modena. Numerose presenze in Serie B e in Serie C, rendono Ogunseye un elemento d’esperienza per la categoria.
“Foggia è una grande piazza, la società è ambiziosa e percepire così tanto entusiasmo fa bene. Quando è nata la possibilità di venir qui, non c’ho pensato due volte ad accettare. Questi colori sono stupendi e i vostri tifosi sono incredibili. Faremo grandi cose, forza Foggia”, afferma il nuovo attaccante rossonero.

Canonico VS Pintus, il patron fa chiarezza

Mentre continua il calciomercato rossonero, il patron Nicola Canonico è ancora alle prese con questioni societarie. Sul sito ufficiale dei rossoneri l’imprenditore laziale, attraverso l’avvocata Claudia Coppi, ha fatto il punto sul rigetto del ricorso cautelare (ex art. 700 con ordinanza n. 3724 del 19 luglio 2022) relativo al contenzioso in corso tra i soci della Corporate srl (Nicola Canonico e Maria Assunta Pintus).

Così Coppi, legale rappresentante del presidente del Calcio Foggia 1920: “Al fine di evitare che vengano riportate notizie non corrispondenti alla realtà dei fatti, con la presente nota si precisa che nell’ordinanza di rigetto del 19/07/2022 emessa dal Tribunale di Bari nel giudizio R.G. 3754/2022 il giudice non autorizza Maria Assunta Pintus ad incassare gli assegni del presidente Nicola Canonico, bensì dichiara l’inammissibilità del ricorso per incompetenza territoriale del giudice adito, dovendo il predetto essere incardinato presso il giudice che si sta occupando del merito, quindi a Cagliari”.

“Sono stufo – sottolinea lo stesso Canonico ai microfoni del club rossonero – di dover leggere notizie che infangano la mia immagine. Stiamo lavorando duramente per il Foggia, giorno e notte, con tutti i componenti dello staff. Dare notizie infondate, senza approfondire la materia, è lesivo nei confronti del sottoscritto e del club che onoriamo. Mi auguro che questo sia l’ultimo spiacevole inconveniente, ne vanno di mezzo anche i nostri tifosi che meritano rispetto e chiarezza dentro e fuori dal campo”.



In questo articolo: