A Roseto Valfortore vola la differenziata: “Verso l’80%, vogliamo diventare modello”

Con il nuovo porta a porta superata la media del 75% nei primi mesi del 2022, con picchi dell’80%. Il sindaco Parisi: “L’obiettivo è superare l’85%”

L’80% non è un miraggio, ma un dato alla portata, quasi facile da raggiungere. Roseto Valfortore punta a diventare modello nella Raccolta differenziata. Eccellente la performance ottenuta nei primi dell’anno: una media di oltre il 75% con una impennata dell’81% registrata in gennaio. 

E’ un risultato eccezionale, raggiunto nel giro di un anno. Il nuovo servizio, gestito da Tecneco, attivato nel febbraio 2021, aveva portato la RD, sin dai primi mesi, ad oltre il 67%. 

Risultati importanti, frutto di un lungo percorso di educazione della cittadinanza al rispetto dell’ambiente e delle regole. “Siamo più che soddisfatti dei risultati ottenuti, e di questo ringrazio tutti i cittadini che hanno saputo cogliere quella che è una opportunità per l’ambiente e l’economia”, spiega Lucilla Parisi, sindaco riconfermato di Roseto Valfortore “ma sono convinta che i rosetano possono e vogliono fare di più. Il nostro obiettivo è ottenere, nel 2022, una media annuale dell’81%, e magari superare anche la soglia dell’85%”.

Non è una chimera. La comunità rosetana aveva raggiunto un buon risultato anche negli anni scorsi, attestandosi su una media del 65%. 

L’arrivo del nuovo servizio ha rivoluzionato e potenziato la Raccolta Differenziata, portandola sin dai primi mesi di gestione al 68%, e a raggiungere, una media che tocca il 76%.

“L’organizzazione del servizio è condizione indispensabile per ottenere risultati eccellenti>> aggiunge Parisi <<e la Tecneco ne è la prova. Oggi abbiamo strutture, mezzi, operatori preparati, accorti che hanno seguito i cittadini guidandoli nella corretta separazione dei rifiuti”.

L’obiettivo dell’80% determinerà un abbassamento della TARI. Con l’Ecotassa se si supera il 65% si ha diritto all’abbassamento delle tariffe sullo smaltimento dell’indifferenziata. Nel 2020 Roseto aveva prodotto circa 7 tonnellate mensili di indifferenziata, nei primi quattro mesi la media è scesa a 5 tonnellate mensili. La differenza si noterà nella tariffa applicata: da 18 a 15 euro. Un bel risparmio per i cittadini.

Anche Roseto è stato dotato di un Centro Comunale di Raccolta, la piattaforma da cui, una volta smistati, i rifiuti vengono trasportati agli impianti di recupero, trattamento, e smaltimento, e dove è possibile conferire RAEE e ingombranti. 



In questo articolo: