Il Comune di Vieste dichiara guerra all’evasione fiscale, accordo con “Andreani Tributi” per servizio riscossione

“Avvieremo attività di accertamento e riscossione coattiva delle entrate tributarie. Opereremo in stretta sinergia con gli uffici comunali e stabiliremo insieme le priorità da adottare”

Il Comune di Vieste volta pagina e dichiara guerra all’evasione fiscale con le nuove tecniche di accertamento. Sottoscritto il contratto con la società Andreani Tributi di Corridonia (Mc) che da oggi si occuperà di gestione, accertamento e riscossione delle entrate tributarie. Nelle scorse ore la firma della convenzione tra Comune di Vieste e Andreani Tributi, alla presenza del sindaco Giuseppe Nobiletti e del rappresentante della Andreani, Michele Russo. “Per conto del Comune di Vieste – ha affermato Russo – avvieremo attività di accertamento e riscossione coattiva delle entrate tributarie. Opereremo in stretta sinergia con gli uffici comunali e stabiliremo insieme le priorità da adottare. Ci occuperemo di IMU, TASI e imposta di soggiorno, in massima sintonia con il contribuente, senza atteggiamenti vessatori. Cercheremo di mettere nelle condizioni migliori il contribuente che dovrà assolvere i propri obblighi. Sarà nostro intento – continua Russo – individuare quelle sacche di contribuenti oggi sconosciuti all’anagrafe del Comune. Tutti i cittadini di Vieste e gli immobili saranno oggetto di accertamento”.

“Ci dotiamo di un nuovo strumento – aggiunge il sindaco Giuseppe Nobiletti – per la lotta all’evasione, e con le nuove tecniche di accertamento daremo la caccia agli evasori totali, a tutte quelle persone che ad oggi non risultano censite nella nostra anagrafe tributaria. A Vieste tutti devono pagare le tasse. Inoltre andremo ad arginare quella odiosa pratica dei doppi proprietari di case che fanno finta di risiedere a Vieste per evitare il pagamento dell’IMU sulla seconda casa. Un nuovo percorso che porterà maggiori risorse al Comune per dare ulteriori risposte ai nostri cittadini”.