Daunia in Italy, la nuova vita dell’ex Singer di Foggia: ora è infopoint del Parco del Gargano e non solo. “Nessun contatto col M5S”

“Siamo l’unico punto di informazione fuori da Monte Sant’Angelo per l’ente Parco, siamo stati riconosciuti dal Ministero dell’Ambiente”. Riferimento anche per Ferrovie del Gargano e Alidaunia

Non ci stanno gli animatori dell’associazione di promozione territoriale Daunia in Italy ad accettare le insinuazioni di chi mette in dubbio la apoliticità della loro azione, solo perché il quartier generale si trova alla ex Singer di via Arpi a Foggia, che per anni è stata punto di riferimento del M5S in Capitanata.

“Siamo stati accusati di fare ancora attività per il M5S quando invece stiamo andando solo a colmare il vuoto di promozione sociale che c’è nel territorio. Siamo l’unico infopoint fuori Monte Sant’Angelo del Parco del Gargano, siamo stati riconosciuti dal Ministero dell’Ambiente e abbiamo ormai la convenzione dell’Ente Parco. Il nostro spazio nasce per dare informazioni e suggerimenti turistici ai cittadini di Capitanata e a quanti visitano il nostro territorio”, spiega a l’Immediato il presidente dell’associazione Giuseppe De Lillo, ex pentastellato oggi totalmente lontano da qualsiasi militanza politica.

“È da chiarire che Daunia in Italy nasce per valorizzare il territorio, col Covid abbiamo operato su altri fronti, insieme con l’Ipercoop abbiamo aiutato 12 parrocchie distribuendo viveri alle famiglie bisognose per un valore da 10mila euro. Noi abbiamo consegnato i pacchi alle parrocchie, loro hanno pensato a distribuirli alle famiglie, senza che noi avessimo un ruolo attivo nella selezione. Siamo stati impegnati in una serie di attività sociali, un chiaro segnale che l’associazione è lontana dalla politica. Abbiamo consegnato a Pasqua 32 colombe ai medici del Policlinico Riuniti. Ora finita l’emergenza Covid possiamo tornare al nostro core business, ci sono già stati i primi contatti con dei buyer irlandesi che medieranno per l’esportazione delle nostre eccellenze enogastronomiche nel mercato irlandese”.

Come spiega De Lillo in questa emergenza altre strutture molto più organizzate di Daunia in Italy non sono riuscite a creare relazioni per le imprese locali.

“Noi faremo sempre politica, ma per il territorio, non più per i partiti. È vero molti di noi hanno avuto delle simpatie per il M5S, sono stati iscritti, ma oggi pensiamo ad altro. Saremo Infopoint anche di Ferrovie del Gargano e di Alidaunia. Intendiamo avvalerci della collaborazione di altre associazioni che sono da anni attive sul territorio come Daunia Tour di Manfredonia o Ipogei di Franca Palese. Stiamo cercando di fare una sorta di rete”, conclude De Lillo.





Change privacy settings