Fusti nocivi abbandonati nel Gargano, bruciati rifiuti speciali pericolosi. La scoperta dei militari in un’area di 215 metri quadrati

Rinvenuto smaltimento illecito di rifiuti da parte dei carabinieri forestali. L’area oggetto di intervento è di proprietà di “Rete Ferroviaria Italiana spa”. Indagini per risalire ai responsabili

Continua l’incessante azione di monitoraggio e controllo del territorio coordinata dal Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia per mezzo dei reparti dipendenti. Ieri, 29 maggio, i militari della Stazione di San Nicandro Garganico sono intervenuti in località San Trifone in agro di Apricena, rinvenendo un illecito smaltimento con abbruciamento di rifiuti speciali pericolosi consistenti in molteplici fusti metallici. Su alcuni fusti sono state rinvenute delle etichette con scritto “Nocivo/infiammabile” e “Adesivi, liquidi infiammabili”.

Si presume dunque che si tratti di rifiuti derivanti da attività d’impresa. I militari hanno inoltre notato il forte odore acre simil solvente/vernice. Sulla stessa area sono stati rinvenuti numerosi sacchetti di carbonato di calcio abbandonati e scarti di demolizione edile classificati come rifiuti speciali non pericolosi. L’area oggetto di intervento, di circa 215 metri quadrati è di proprietà di “Rete Ferroviaria Italiana spa”. La zona è stata posta sotto sequestro penale ed affidata in custodia al referente di zona di RFI. Sono in corso le indagini per rintracciare i responsabili.



In questo articolo:


Change privacy settings