Nel Foggiano nuovi contributi per sostenere il Terzo Settore, l’impegno della Fondazione Monti Uniti. E intanto riapre la galleria d’arte

Sostegno al progetto #insiemepiùforti promosso dall’Aism, alle attività della delegazione foggiana della Fondazione Ant Italia Onlus e alla cooperativa sociale Pietra di Scarto di Cerignola

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia ha deliberato nuovi interventi in favore del territorio, finalizzati a sostenere enti, associazioni e operatori del Terzo Settore nel delicato passaggio alla cosiddetta Fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

La Fondazione sosterrà il progetto #insiemepiùforti promosso dalla sezione foggiana dell’Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus), destinato a riconvertire le attività di supporto e affiancamento alle persone con Sclerosi Multipla, compatibilmente con i Decreti governativi e le restrizioni progressivamente introdotte nelle ultime settimane. Il contributo della Fondazione sarà diretto in particolare all’acquisto di beni di prima necessità (alimentari e sanitari) per persone con Sclerosi Multipla in situazioni di certificata difficoltà, di dispositivi di protezione individuale per malati e volontari, strumenti di sanificazione necessari al mantenimento e alla ripresa di tutte le attività, supporto psicologico, manutenzione e sanificazione periodica del parco mezzi, progettazione, organizzazione e promozione di incontri.

L’Istituzione di via Arpi supporterà anche le attività della delegazione foggiana della Fondazione Ant Italia Onlus, impegnata in questi mesi drammatici nell’assistenza oncologica domiciliare. Il ruolo della Fondazione Ant è decisivo perché grazie all’impegno ininterrotto del personale sanitario si è ridotto il rischio di contagio tra i malati oncologici, evitando l’accesso nelle strutture ospedaliere e preservando la disponibilità dei posti letto. A fronte delle numerose e sempre più crescenti richieste di intervento, le iniziative di raccolta fondi hanno subito un pesante arresto non avendo potuto contare sulle consuete attività di sensibilizzazione, come la vendita delle uova pasquali quest’anno quasi azzerata. Per questo motivo, la Fondazione dei Monti Uniti sosterrà gli sforzi di Ant Italia Onlus, dal 1978 impegnata nell’assistenza medico specialistica gratuita a casa dei malati di tumore, che ogni giorno assiste più di 200 pazienti nei Distretti sanitari di Foggia, Manfredonia, Cerignola e Lucera.

La Fondazione, infine, sosterrà “Passata al futuro”, un interessante progetto della cooperativa sociale Pietra di Scarto di Cerignola, collegato alla raccolta etica del pomodoro. Impegnata da molti anni nella promozione della giustizia sociale ed economica attraverso la diffusione di una cultura dell’antimafia, la pratica di un’agricoltura sostenibile, l’educazione alla legalità e al consumo critico, la cooperativa sociale Pietra di Scarto è stata duramente colpita dall’emergenza Covid-19. Il rallentamento delle vendite, l’azzeramento degli introiti derivanti dalle attività didattiche con le scuole presso il Laboratorio di legalità “Francesco Marcone” e l’impossibilità di programmare investimenti per la gestione delle colture estive, mettono a serio rischio la raccolta di quest’anno. L’intervento della Fondazione, quindi, sarà destinato alla manutenzione ed implementazione dei macchinari agricoli ed al potenziamento degli impianti di irrigazione. 

La galleria riapre

Intanto, dopo il lungo stop imposto alle manifestazione culturali a causa dell’emergenza Coronavirus, da lunedì 25 maggio, a partire dalle ore 10:00, la galleria della Fondazione riaprirà i battenti con la mostra di Matteo Manduzio “Super pontem ange lorum”, curata da Gaetano Cristino e organizzata per celebrare i cinquant’anni di attività artistica del Maestro foggiano.

Da lunedì prossimo, e fino al 20 giugno, sarà possibile accedere al percorso espositivo nel rispetto delle misure sanitarie e di sicurezza disposte dalle normative governative, che prevedono il distanziamento tra i singoli visitatori, entrate dilazionate (saranno ammessi sette visitatori per volta) e sanificazione degli spazi comuni fruibili da parte del pubblico, oltre all’adozione dei necessari dispositivi di protezione personale.





Change privacy settings