Mafia Cerignola, l’ex sindaco Franco Metta davanti ai giudici. Rischia l’incandidabilità insieme a Bufano

I giudici potrebbero “decidere di decidere” già in questi giorni oppure rimandare tutto a dopo l’estate, alla luce del fatto che a luglio il Tar si esprimerà sulla legittimità del decreto di scioglimento

I giudici si sono riservati. Bisognerà dunque aspettare per conoscere la decisione sulla richiesta di incandidabilità presentata dal Ministero dell’Interno per gli ex amministratori di Cerignola Franco Metta e Tommaso Bufano. Dopo lo scioglimento per mafia del Comune, il caso è sbarcato nel Tribunale di Foggia, presso l’aula 2 delle udienze civili, al primo piano del Palazzo di Giustizia.

Ricorrenti il Ministero dell’Interno e la Prefettura di Foggia difesi dai legali dell’Avvocatura Distrettuale, Giuseppe Zuccaro e Carmine La Torre. L’ex sindaco Metta si è difeso strenuamente mentre non era presente l’ex assessore ai Lavori Pubblici. I giudici potrebbero “decidere di decidere” già in questi giorni oppure rimandare tutto a dopo l’estate alla luce del fatto che a luglio il Tar si esprimerà sulla legittimità del decreto di scioglimento per mafia impugnato da Metta&co. In caso di incandidabilità, i due politici potranno fare ricorso in appello e, infine, presso la Cassazione. Rischiano di dover rinunciare alla prossima tornata elettorale. (In alto, Metta in aula davanti ai giudici)



In questo articolo:


Change privacy settings