Una giovane donna senzatetto soccorsa dalla polizia a Foggia. Alle spalle una storia di emarginazione e stenti

L’intervento dei poliziotti ha consentito di farle trovare una sistemazione provvisoria presso una struttura di accoglienza per sole donne della Caritas Diocesana

Una ragazza italiana di 32 anni, senza fissa dimora, ha cercato rifugio in un condominio per ripararsi dal freddo. Il portiere dello stabile ha subito segnalato la sua presenza alle forze dell’ordine e sul posto è intervenuto un equipaggio della Volante della Questura di Foggia. La giovane donna è stata identificata ed assistita. Poi ha raccontato la sua vita. 

Alle spalle un vissuto complicato, fatto di stenti e di emarginazione. Vive per strada da diverso tempo, senza un ricovero ed è costretta a trascorrere le notti all’addiaccio. I rapporti con i suoi familiari si sono rotti a causa di problemi relazionali. L’arrivo dell’inverno e l’abbassamento delle temperature di questi giorni hanno accentuato le sue condizioni di disagio e di precarietà, così ieri ha cercato rifugio in un cortile condominiale. 

L’intervento dei poliziotti ha consentito di farle trovare una sistemazione provvisoria presso una struttura di accoglienza per sole donne della Caritas Diocesana che prontamente si è offerta di darle assistenza e sostegno. Sono state le stesse volontarie a prenderla in carico e a trasferirla sotto il nuovo tetto.



In questo articolo: