Donna foggiana maltratta marito e figlie minori. Botte, sputi e minacce con il coltello

Spintoni e strattoni alla più piccola della famiglia, privata anche del telefono cellulare al fine di impedirle di avere contatti con il padre

Caso di stalking al contrario a Foggia. La squadra mobile ha eseguito una misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alle parti offese nei confronti di una donna di 49 anni. 

Su di lei pendono le accuse di maltrattamenti contro familiari e conviventi dal dicembre 2018 al giugno 2019. Maggiori vittime il marito e le due figlie minori.

Sull’uomo erano continue le vessazioni psicofisiche. La donna lo ingiuriava in più occasioni minacciandolo di morte e picchiandolo.

Spintoni e strattoni anche alla figlia piccola, privata anche del telefono cellulare al fine di impedirle di avere contatti con il padre.

Significativo l’episodio del 29 gennaio quando la donna, nel corso di una banale lite, ha insultato il marito per poi puntargli contro un coltello da cucina, il tutto alla presenza delle figlie.

Il 6 maggio scorso, invece, la donna ha scaraventato un pannello di legno contro il compagno dopo avergli sputato addosso, anche in questo caso dinanzi alle figlie attonite.

Su richiesta della Procura della Repubblica, i poliziotti hanno eseguito la misura cautelare.





Change privacy settings