Cerignola, l’apericena della legalità apre ufficialmente le attività de “La strada”

Incontro con i giovani partecipanti al “Cantiere innovativo di antimafia sociale”. Tra i primi moduli in calendario, focus e laboratori sulla memoria delle vittime innocenti delle mafie, sul 21 marzo e sui beni confiscati alle mafie

Tutto pronto a Cerignola per l’“apericena della legalità”. Domani, giovedì 11 luglio, a partire dalle ore 18.30, gli operatori del Progetto “La strada. C’è solo la strada su cui puoi contare”, vincitore dell’Avviso “Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale” della Regione Puglia incontreranno al “Karma Kafè” i giovani partecipanti al programma di educazione alla Cittadinanza Attiva – e le rispettive famiglie – per presentare il calendario delle attività del primo anno. 

L’appuntamento in via C. Battisti 7 è con Rino Pezzano, vicesindaco di Cerignola; Loredana Tarantino, dirigente scolastico del Liceo Scientifico “Einstein” di Cerignola; Salvatore Mininno, dirigente scolastico dell’ITC “Alighieri” di Cerignola; Dora Giannatempo, della Cooperativa Sociale Altereco; Lucia Armillotta del CSV Foggia e Antonio Cocco, coordinatore delle attività. 

Il progetto coinvolge oltre 20 giovani, tra i 16 e i 19 anni, in un percorso lungo tre anni. Sono previste mille ore di attività per offrire a studenti propositivi e a giovani a rischio devianza l’opportunità di mettersi in gioco e divenire promotori di un cambiamento concreto nella propria comunità.

“L’aspetto dell’inclusione all’interno del progetto è tutt’altro che secondario – evidenzia Rino Pezzano – e uno dei primi obiettivi è proprio quello di creare sistemi formali e informali di ‘seconda opportunità’, con il sostegno del mondo del Terzo Settore e delle Agenzie del territorio. La scelta dell’apericena non è casuale: il progetto intende coinvolgere i giovani partecipanti attraverso un dialogo aperto e vivace, con attività pratiche. Non sarà un percorso fatto solo di lezioni frontali, anzi. Le azioni valorizzeranno la conoscenza di beni comuni inutilizzati e beni confiscati alla criminalità organizzata, con visite guidate e laboratori”. 

“La strada” è promosso da un’Associazione Temporanea di Scopo che vede il Comune di Cerignola in qualità di ente capofila e un nutrito partenariato composto da Comune di Foggia, CSV Foggia, Cooperative sociali Medtraining, Iris e Altereco. Tra i primi moduli in calendario, focus sulla memoria delle vittime innocenti delle mafie, sul 21 marzo e sui beni confiscati alle mafie.