Inchiesta “Oro Giallo” sul traffico di olio extravergine falso, torna in libertà commerciante foggiano

Il giudice ha accolto l’istanza di revoca della misura proposta dal difensore dell’indagato, l’avvocato Roberto de Rossi

Il gip del Tribunale di Foggia, Manuela Castellabate, ha revocato la misura degli arresti domiciliari applicata a Giovanni Gallo, disponendo, con effetto immediato, la rimessione in libertà del commerciante foggiano.

Il giudice ha, quindi, accolto l’istanza di revoca della misura proposta dal difensore dell’indagato, l’avvocato Roberto de Rossi (che nel medesimo procedimento difende anche l’imprenditore sanseverese Luigi Martignetti), nonostante il parere contrario espresso dal Pubblico Ministero.

Il provvedimento è relativo all’operazione dello scorso 13 maggio condotta dai Carabinieri – N.A.S. di Foggia e coordinata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Foggia, denominata “Oro Giallo”, che ha portato all’esecuzione di numerose misure cautelari restrittive e di sequestri probatori, in cooperazione con Eurojust (Agenzia dell’Unione Europea per la cooperazione giudiziaria penale) e con Europol per gli aspetti operativi transnazionali, e che ha portato all’arresto, tra i tanti, anche del commerciante foggiano Giovanni Gallo, chiamato a rispondere di ricettazione aggravata.



In questo articolo: