Ecco Paolo Sirna, si è insediato il nuovo questore di Foggia. Le priorità: lotta alla mafia ed ex pista Borgo Mezzanone

Primo atto l’omaggio al monumento ai caduti in Piazza Italia. Poi l’incontro con il prefetto Raffaele Grassi ed il Procuratore della Repubblica Ludovico Vaccaro

Si è insediato questa mattina il nuovo questore della Provincia di Foggia, Paolo Sirna. Il Dirigente Superiore della Polizia di Stato, originario di Capo d’Orlando, lascia il suo incarico di Dirigente del Compartimento POLFER di Bari per ricoprire, da oggi quello di numero uno della Polizia di Stato nel Foggiano.

Sirna, sposato con due figlie, è in polizia dal 1988. Nella Questura di Agrigento ha svolto l’incarico di vicario del questore della città dei Templi per poi trasferirsi a Perugia e ricoprire lo stesso ruolo. È Primo Dirigente della Polizia di Stato dal 2006. 

È stato capo della squadra mobile di Messina e ha diretto i Commissariati di polizia di Sant’Agata di Militello e Barcellona Pozzo di Gotto. Nella lunga stagione delle faide mafiose sui Nebrodi ha collaborato per l’operazione “Mare Nostrum” che sfociò nell’esecuzione di oltre 500 provvedimenti, tra arresti e denunce, contro i capimafia ed i gregari dei clan di Barcellona e Tortorici ed è stato tra i principali esponenti nella lotta al racket delle estorsioni a Capo d’Orlando con la ribellione dei commercianti e la nascita dell’A.C.I.O. (associazione di commercianti ed imprenditori orlandini – aderenti alla FAI, federazione delle associazioni antiracket e antiusura italiane). Tra gli incarichi ricoperti anche quelli di dirigente della Sezione omicidi presso la Squadra Mobile di Reggio Calabria. 

Oltre alle importanti indagini di contrasto alla criminalità mafiosa calabrese e siciliana, Sirna ha partecipato alla gestione di Grandi Eventi di Ordine Pubblico tra cui il G8 del 2009 a L’Aquila e la visita di Papa Francesco a Lampedusa nell’estate del 2013. Dal 7 settembre 2015 ha ricoperto l’incarico di Questore di Matera sino all’agosto 2018 allorquando ha assunto la dirigenza del Compartimento Polfer.

Come primo atto d’insediamento, il nuovo questore ha reso omaggio al monumento ai caduti in Piazza Italia ed ha incontrato il prefetto Raffaele Grassi ed il Procuratore della Repubblica Ludovico Vaccaro. In agenda subito i temi del controllo del territorio, del contrasto alla criminalità diffusa ed organizzata e l’attenzione prioritaria alle attività di ripristino della legalità presso l’area dell’ex-pista di Borgo Mezzanone.