Una lucerina nominata Segretario Generale della Giunta regionale. Emiliano sceglie Silvia Piemonte

È la prima nomina di un rappresentante della Capitanata tra i vertici dirigenziali su designazione presidenziale

Il nuovo Segretario Generale della Giunta regionale è la lucerina Silvia Piemonte, già dirigente regionale della sezione affari istituzionali e giuridici, avvocato e docente universitario.

La nomina, su proposta del Presidente Michele Emiliano, è avvenuta, lo scorso 2 maggio, nell’ultima seduta della Giunta regionale e si distingue poiché, nella storia della Regione Puglia, è la prima nomina di un rappresentante della Capitanata tra i vertici dirigenziali su designazione presidenziale.

Il Segretariato Generale della Giunta, infatti, tratta i provvedimenti relativi alla convocazione della Giunta e trasmette al Presidente e agli Assessori la necessaria documentazione; segue i lavori collegiali della Giunta Regionale, ne redige i verbali e ne cura la raccolta ufficiale; assicura la regolarità formale e l’unitarietà amministrativa degli atti sottoposti all’esame della Giunta Regionale; provvede all’inoltro degli atti approvati dalla Giunta al Consiglio Regionale; predispone gli atti relativi alla esecuzione delle deliberazioni della Giunta per le attività di competenza della stessa; cura la raccolta ufficiale degli atti della Giunta Regionale; cura la raccolta, in copia conforme all’originale, delle determinazioni dirigenziali; cura gli adempimenti di competenza in materia di trasparenza amministrativa; cura il coordinamento e il monitoraggio del sistema di gestione dei flussi documentali relativi agli atti di Giunta e dirigenziali; promuove e coordina ogni azione utile alla semplificazione normativa curandone gli aspetti tecnico giuridici.

La nomina di un esponente della Provincia di Foggia tra i vertici dirigenziali regionali – e non solo tra gli assessori – può essere considerata anche come una testimonianza della vicinanza di Michele Emiliano a Foggia ed alla Capitanata poiché la conoscenza della realtà locale è sicuramente indispensabile affinché anche a livello di alta gestione amministrativa vi sia corrispondenza con la volontà dell’indirizzo politico.