“Ma che papocchio”, brillante commedia in scena a Manfredonia con la compagnia di Dina Valente

Lo spettacolo è in programma dall’11 al 14 dicembre. La regia è di Dina Valente e Filomena Trotta. Sul palco: Ciro Salvemini, Sipontina Verrini, Matteo Caratù, Luigi Armiento, Teresa Grieco, Alessandro Francavilla, Martina Olivieri, Peppe Sfera, Annarosa Impagnatiello, Patrizia Ferri, Michele Renzullo

Dall’11 al 14 dicembre la Compagnia “Teatro Stabile – Citta’ di Manfredonia” diretta da Dina Valente rappresenterà “Ma che papocchio” tratta dal “Papocchio”, brillante commedia rappresentata per la prima volta dalla compagnia di Nino Taranto. Ispirata al canovaccio tipico della commedia napoletana basata sugli equivoci, ha come filo conduttore un sogno e alcuni fatti misteriosi che si susseguono in una girandola di gag e colpi di scena. L’azione si svolge nello studio legale dell’avvocato Russolillo dove piombano i coniugi Amelia e Michele Adinolfi, impegnati in una guerra familiare per un tradimento reale o immaginario in cui vengono coinvolti. La commedia affronta così, in chiave umoristica, verità scomode, equivoci e tradimenti, a cui fanno da contorno il mistero della barba di San Cipriano, uno struzzo, la pensione di zia Margherita, i gemelli Adinolfi e i piselli di un monaco.

La regia è di Dina Valente e Filomena Trotta. Sul palco: Ciro Salvemini, Sipontina Verrini, Matteo Caratù, Luigi Armiento, Teresa Grieco, Alessandro Francavilla, Martina Olivieri, Peppe Sfera, Annarosa Impagnatiello, Patrizia Ferri, Michele Renzullo. Scene di Antonio Renegaldo, Service Audio Michele Trimigno, Foto di Andrea Colaianni. Ingresso ore 20:30, sipario ore 21.