Mario Baldi nuovo ambasciatore d’Italia a Minsk, la Farnesina sceglie il diplomatico foggiano

L’ambasciatore foggiano ha avuto una lunga carriera per la quale è stato insignito del titolo Cavaliere Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica nel 2009

Mario Giorgio Stefano Baldi è il nuovo ambasciatore d’Italia a Minsk, in Bielorussia. La nomina è stata resa nota dalla Farnesina, che affida ad un tweet gli auguri di “buon lavoro” a Baldi.

“Sarà un gran privilegio dare il mio contributo al rafforzamento delle relazioni tra Italia e Bielorussia”, ha affermato l’ambasciatore. “Mi impegnerò per ampliare ulteriormente gli spazi di collaborazione in campo politico, economico, sociale e culturale e per rendere ancora più forte il legame tra due Paesi amici che condividono interessi comuni, ma anche sentimenti di profonda amicizia e di rispetto reciproco”.

Mario Giorgio Stefano Baldi è nato a Foggia il 28 febbraio 1965 e si laurea in giurisprudenza all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1989. Entra in carriera diplomatica nel 1991, inaugurando il suo percorso professionale alla Farnesina presso la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo. Il suo primo incarico all’estero è nel 1994 come reggente del Consolato di Dortmund, poi confermato nella stessa sede con funzioni di console nel 1996. Nel 1998 prosegue la sua carriera ad Asmara come primo segretario Commerciale, poi consigliere commerciale nel 2001. Nel 2002, rientrato alla Farnesina, assume l’incarico alla Direzione Generale per gli Affari Politici Multilaterali e i Diritti Umani. Dal 2005 ricopre l’incarico di consigliere a Mosca, dove è nominato primo consigliere nel 2006. Nel 2009 prosegue la sua esperienza professionale all’estero in qualità di ambasciatore a Baku. Di ritorno a Roma, dal 2013 ricopre l’incarico di responsabile degli aiuti umanitari e di emergenza presso la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo. L’ambasciatore Baldi è stato insignito del titolo Cavaliere Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica nel 2009.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come