Sadico e violento, col suo pitbull terrorizzava i giovani di Manfredonia. Arrestato 23enne

chiarista

Torna al centro della cronaca Francesco Chiarista, 23enne di Manfredonia già protagonista in passato di alcuni episodi di violenza. Nella mattina del 16 novembre scorso, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia sipontina lo hanno arrestato eseguendo un’ordinanza restrittiva emessa nei suoi confronti dal gip del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica. Il giovane è accusato di sequestro di persona, tentata violenza privata, lesioni aggravate e continuate e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere. Chiarista è finito in manette anche per il reato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate.

I reati contestati a Chiarista si riferiscono alla notte compresa tra il 24 ed il 25 settembre 2016, quando per futili motivi, aizzò il suo pitbull contro tre ragazzi mentre stavano trascorrendo un normale sabato sera. Il cane morse le vittime mentre Chiarista utilizzò un coltello a serramanico per accoltellare uno di loro ad un gluteo. Proprio nei confronti di quest’ultimo, Chiarista esercitò ulteriore violenza, trascinandolo contro la sua volontà all’interno di un locale sipontino dove, una volta in disparte, lo costrinse a denudarsi in parte per verificarne le ferite. 

Il giovane ferito perse i sensi e venne trascinato da Chiarista presso la sua abitazione, dove la vittima riprese conoscenza al sopraggiungere dei carabinieri (nel frattempo allertati ed intervenuti nel locale Pronto Soccorso dove si erano recati gli altri giovani feriti) che bussarono con insistenza alla porta di casa di Chiarista, chiusa a chiave, senza ottenere alcuna risposta. Chiarista, infatti, simulò la sua assenza trattenendo la vittima, costretta a rimanere in silenzio e non chiedere aiuto.

Le indagini condotte dai carabinieri di Manfredonia hanno permesso di fare piena luce sull’accaduto e sulle responsabilità di Chiarista in ordine ai reati a lui contestati e di far emettere all’Autorità Giudiziaria l’odierno provvedimento restrittivo.

Una volta rintracciato per le strade di Manfredonia mentre portava a spasso il suo cane, il giovane si è opposto con violenza ai militari per non farsi arrestare. Uno dei carabinieri ha anche riportato lesioni in quanto morso ad una mano dal cane, aizzato contro l’uomo dell’Arma da Chiarista. Una volta immobilizzato, il 23enne è stato arrestato e condotto nel carcere di Foggia. Già in passato, Chiarista si era reso protagonista di eventi molto simili, sempre accompagnato dal cane. Tempo addietro, infatti, aizzò l’animale contro alcuni clienti di una pizzeria mentre in un’altra circostanza aggredì i parenti della sua ex fidanzata mentre erano al Pronto Soccorso di Manfredonia.