Lonigro replica alle accuse: “Ulteriori risorse al Gargano”

“Il Consiglio regionale ha licenziato la legge con la quale verranno stanziati fondi per rendere più efficienti e tecnologicamente più avanzate le strutture sanitarie garganiche”.

Con l’approvazione da parte del Consiglio regionale della seconda variazione di bilancio per l’esercizio finanziario 2014, saranno destinati ai territori garganici alluvionati ulteriori risorse per il ripristino delle strutture danneggiate (canali, ponti strade, manufatti ecc.) ed anche  fondi per rafforzare le strutture sanitarie territoriali”. A comunicarlo è il presidente della prima commissione (bilancio), Pino Lonigro.
“Dalle promesse ai fatti, il Consiglio regionale ha licenziato la legge con la quale verranno stanziati fondi per rendere più efficienti e tecnologicamente più avanzate le strutture sanitarie garganiche (oltre sei milioni di euro, così come comunicato in aula dall’Assessore alla Sanità, Donato Pentassuglia). Con queste risorse finanziarie, verrà potenziato il servizio di elisoccorso estivo, verranno realizzate elisuperfici per l’emergenza-urgenza-Servizio118, effettuate le ristrutturazioni ai locali dei poliambulatori, la dotazione di attrezzature tecnologiche e la fornitura di autoambulanze per la rianimazione. Tutto ciò consentirà di garantire una assistenza migliore ai cittadini garganici e ai tanti turisti che scelgono il Gargano come meta turistica”.
Per Lonigro si tratta di “un’altra bella risposta del Consiglio regionale ai territori garganici distrutti dall’alluvione. I fondi si sommano al milione e 300 mila euro concesso nell’immediatezza dell’emergenza ed al successivo milione e 500 mila euro, affidato ai Consorzi di Bonifica del Gargano e di Capitanata, per il ripristino dei danni al torrente Candelaro e per la pulizia dei detriti nell’intersezione dei corsi d’acqua con le strade”.
“La maggioranza di centrosinistra che amministra la Regione Puglia è ancora una volta vicina ai cittadini garganici”, conclude Lonigro.