A Foggia il bisturi più preciso al mondo in oculistica. Primi interventi per trapianto cornea e cataratta

Si tratta di operazioni all’avanguardia con caratteristiche di unicità sia per il tipo di tecnica utilizzata, sia per l’utilizzo di materiali tra i più avanzati attualmente a disposizione

Sono stati eseguiti nei giorni scorsi presso la struttura complessa di Oculistica Universitaria del “Policlinico Foggia”, diretta dalla professoressa Cristiana Iaculli, i primi interventi di trapianto di cornea e di cataratta con l’innovativa tecnologia laser a femtosecondi. Si tratta di interventi all’avanguardia con caratteristiche di unicità sia per il tipo di tecnica utilizzata, sia per l’utilizzo di materiali tra i più avanzati attualmente a disposizione.

Il laser a femtosecondi rappresenta il bisturi più preciso al mondo, con una risoluzione nanometrica. Può, infatti, essere programmato al computer in modo da effettuare in pochi secondi interventi impossibili manualmente.

Il risultato è una sicurezza ed una delicatezza mai raggiunta prima con l’intervento classico, con incisioni di estrema predicibilità, precisione ed esattamente programmabili, riproducendo l’effetto di un bisturi di luce che esegue un taglio 3D all’interno della cornea, scolpita e rimodellata in modo personalizzato in base alle esigenze visive del singolo paziente. 

Le fasi principali dell’intervento sono programmate dal chirurgo al computer ed effettuate dal laser in pochi secondi, riducendo al minimo l’utilizzo di bisturi metallici e pinze chirurgiche e garantendo, così, un posizionamento, un dimensionamento ed una tenuta perfetta.

Gli studi clinici dimostrano che la precisione nella dimensione dei tagli arriva al 100% contro appena il 10% (entro 0,25 mm.) delle pinze manuali. Questa precisione, ricorda Iaculli, limita al massimo l’induzione di aberrazioni ottiche che possono ridurre la qualità visiva dei pazienti, ottimizzando i risultati e i tempi di recupero.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

 



In questo articolo: