Forno di Monte Sant’Angelo sensibilizza la gente: sullo scontrino il 1522 per denunciare le violenze sulle donne

Taronna: “Può essere utile per contrastare una cultura ancora estremamente sessista, discriminatoria e violenta”

“Se sei donna e subisci violenza chiama questo numero. 1522”. Un messaggio che diventa quotidiano come comprare il pane e ritirare lo scontrino su cui verrà stampato il numero verde nazionale antiviolenza (1522) attivo 24 ore su 24.
Per troppe donne la violenza è pane quotidiano così ci pensa il forno Taronna di Donato Taronna a Monte Sant’Angelo a sensibilizzare l’opinione pubblica a denunciare le violenze sulle donne. Troverete il numero 1522 stampato sullo scontrino del Panificio Taronna sito a Monte Sant’Angelo nell’ambito di iniziative per la Giornata nazionale contro la violenza sulle donne.

“Ogni momento – spiega Donato Taronna Fornaio di Monte Sant’Angelo – può essere utile per contrastare una cultura ancora estremamente sessista, discriminatoria e violenta nei confronti delle donne, perché ancora, purtroppo, per troppe donne la violenza è pane quotidiano”, sottolinea richiamando lo slogan del progetto. In passato lo stesso panificio – che si trova in via Garibaldi a Monte Sant’Angelo Città Unesco con la sua Basilica di San Michele Arcangelo e le Faggete vetuste della Foresta Umbra, ha da sempre sensibilizzato questa grave piaga dei giorni nostri.

“Lo facciamo tutti i giorni perché ci piace l’idea che possa essere un’occasione di confronto sulle tavole delle persone quotidianamente. Il rispetto della donna è come il pane quotidiano. Ci spiega l’imprenditore dell’Arte Bianca nonché presidente dei panificatori di Monte Sant’Angelo e dirigente nazionale Assopanificatori Fiesa Confesercenti. Ma non più tanti momenti bui e tanto sostegno a chi vorrà denunciare anche in forma anonima ogni sopruso subito. Ogni donna deve sentirsi libera di essere e manifestarsi per come vuole”.



In questo articolo: