Mafia foggiana, sul Tg2 l’appello dell’imprenditore sotto scorta D’Auria: “Denunciate. Io rifarei tutto”

È vittima dal 2017 di minacce e intimidazioni ma con le sue denunce ha contribuito all’arresto di numerosi affiliati alla malavita.

“Rifarei tutto. Denunciate”. Sono le parole al Tg2 di Lazzaro D’Auria, l’imprenditore campano ormai trapiantato in Capitanata, vittima dal 2017 di minacce e intimidazioni della mafia foggiana. Grazie alle sue denunce, D’Auria ha fatto arrestare esponenti di spicco del clan Moretti-Pellegrino-Lanza, batteria criminale di Foggia, decapitato nel 2018 con il blitz “Decima Azione” e poi nel 2020 con “Decimabis”.

“La mafia ha cercato di estorcere denaro alle aziende da me gestite, ho denunciato tutti”. All’imprenditore hanno bruciato 20 venti volte mezzi e capannoni: “Si devono fare dei sacrifici ma possono essere superati. Denunciate e cercate di legalizzare il territorio dove lavorate”, il suo appello.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come



In questo articolo: