In Puglia tornano a salire i nuovi contagi Covid-19, nel Foggiano l’aumento più consistente

Sotto la media nazionale il tasso di occupazione dei posti letto in area medica, pari al 3,9%, mentre è sopra media nazionale il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva, pari al 1,5%

Tornano ad aumentare i nuovi contagi Covid-19 in Puglia: nella settimana dal 21 al 27 settembre c’è stato un incremento del 22,6%, secondo il monitoraggio settimanale effettuato dalla fondazione Gimbe. Si riducono, invece, i “casi attualmente positivi ogni 100mila abitanti”, scesi a 252.

Sotto la media nazionale il tasso di occupazione dei posti letto in area medica, pari al 3,9%, mentre è sopra media nazionale il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva, pari al 1,5%. La provincia che ha registrato, in termini percentuali, l’aumento dei contagi più consistente è quella di Foggia, +42,4%, mentre in termini assoluto è nella provincia di Lecce che sono stati rilevati più casi di positività: 179.

Sempre secondo il Gimbe in Puglia resta sotto la media nazionale la copertura vaccinale anti Covid-19 con la quarta dose: mentre nel resto d’Italia è stato raggiunto il 17%, in Puglia il tasso di copertura è fermo al 12%. La percentuale di popolazione over 5 anni che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino è pari al 7,5% mentre la media italiana è del 10%. Infine, la percentuale di popolazione over 5 anni che non ha ricevuto la terza dose di vaccino è pari a 10,4% contro una media nazionale dell’11,2%. (Ansa).



In questo articolo: