Raffica di colpi sulla Rav 4, due 30enni feriti nell’agguato sul Gargano: non sono gravi. Torna la faida tra clan?

Non è escluso che l’agguato possa essere riconducibile alla guerra tra famiglie malavitose del luogo

Numerosi sono stati i colpi di arma da fuoco esplosi contro la Toyota RAV 4 su cui viaggiavano Antonio Germinelli e Danilo Notarangelo, trentenni feriti nell’agguato avvenuto ieri nei pressi di una masseria nelle campagne tra Vieste e Mattinata.

I due, noti alle forze dell’ordine, sono stati ricoverati all’ospedale di Foggia e a quello di San Giovanni Rotondo: le loro condizioni non sarebbero gravi. Nell’auto pare ci fosse anche una terza persona, rimasta illesa, ma su questo punto i carabinieri, che stanno indagando sull’accaduto, non lasciano trapelare alcuna notizia. Non è escluso che l’agguato possa essere riconducibile alla guerra tra famiglie malavitose del luogo, in particolare il clan Raduano e il gruppo rivale Iannoli-Perna.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come



In questo articolo: