“Impresa Puglia” riparte da welfare aziendale, arte e cultura. “Bilancio ok ad un anno dalla nascita dell’associazione”

D’Alba: “Siamo orgogliosi, soddisfatti ed ancor più motivati, sia per il lavoro svolto che per gli impegni futuri”

Welfare aziendale, arte e cultura sono i primi temi che caratterizzeranno la ripresa autunnale dell’attività di “Impresa Puglia”, nell’ambito della collaborazione con e tra le stesse aziende associate. È quanto è emerso dall’assemblea generale che ha tracciato un primo positivo bilancio ad un anno dalla costituzione di Impresa Puglia, associazione di imprese, enti e liberi professionisti per lo sviluppo del territorio regionale.

“Siamo orgogliosi, soddisfatti ed ancor più motivati, sia per il lavoro svolto che per gli impegni futuri”, ha dichiarato il presidente del sodalizio, Michele D’Alba (in foto). “Desidero ringraziare i Vice Presidenti, il Consiglio Direttivo, tutti gli associati e il Coordinatore di Impresa Puglia per la condivisione, il sostegno e la fattiva partecipazione alla vita associativa”.

“Le adesioni – ha aggiunto D’Alba – stanno ormai interessando tutti i settori merceologici e dei servizi, con imprese già associate nei comparti di agroalimentare, ambiente, assicurazioni, consulenze aziendali, costruzioni, industria creativa, lapideo, logistica, lavanderie industriali, ristorazione, sanità e servizi alla persona, servizi antincendio, servizi di pulizia, servizi di vigilanza, trasporti, turismo”. 

“Siamo quindi tutti impegnati per rafforzare la base sociale, la rappresentanza ed i servizi, ferma restando la nostra presenza puntuale e costante nel dibattito politico-istituzionale su temi strutturali e questioni contingenti che riguardano diversi aspetti socio-economici di valenza regionale/o provinciale, a supporto della quale andremo ad implementare anche le attività di informazione e comunicazione”. 

“Spirito associativo ed orgoglio di appartenenza sono i nostri valori fondanti ed al contempo elementi propulsivi per il nostro lavoro – ha concluso il presidente di Impresa Puglia, Michele D’Alba – che intende rilanciare il ruolo di corpi intermedi attenti alle esigenze delle imprese, già protese nel superamento di criticità per taluni aspetti epocali, e nella valorizzazione delle potenzialità del territorio”. 



In questo articolo: