“L’antimafia pugliese libera le persone. Già investiti quasi 30 milioni”. Emiliano nel Foggiano commenta “L’altra città”

Il governatore: “Siamo primi in Italia per investimenti in questo settore. I clan si combattono con azione repressive ma anche creando un ambiente capace di resistere al proselitismo mafioso”

Emiliano stringe tra le mani “L’altra città”, libro su mafia e antimafia sociale in Capitanata. E ai nostri microfoni fa il punto sull’impegno della Regione nel contrasto ad ogni forma di illegalità. “La Puglia è prima in Italia per investimenti nell’antimafia sociale – dichiara il governatore -. Nei primi anni della mia presidenza sono stati investiti quasi 30 milioni di euro. All’interno di questi programmi abbiamo coinvolto tutta la società pugliese. La mafia si combatte con attività repressive, ma soprattutto creando un ambiente capace di resistere al proselitismo mafioso. La mafia finge di aiutarti, in realtà crocifigge te e chi ti sta intorno. L’antimafia pugliese – conclude – libera le persone”.

“L’altra città. Mafie e antimafia di Capitanata” viene distribuito gratuitamente nelle scuole, nelle associazioni e nei luoghi di dibattito pubblico nell’ambito delle attività previste da “La strada. C’è solo la strada su cui puoi contare”, vincitore dell’ ‘Avviso Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale: educazione alla cittadinanza attiva e miglioramento del tessuto urbano’ della Regione Puglia. Il progetto è promosso dall’Associazione Temporanea di Scopo che vede il Comune di Cerignola in qualità di ente capofila e un nutrito partenariato composto da: Comune di Foggia, CSV Foggia, Cooperative sociali Medtraining e Altereco. Scrivere ad [email protected] per richiedere una copia.



In questo articolo: