Controlli a tappeto sul green pass nel Foggiano, il piano della Prefettura: “Verifica capillare in attività economiche e servizi”

In relazione al “perdurare della situazione di emergenza epidemiologica da Covid-19” e allo scopo di “garantire la prosecuzione delle attività economiche in una cornice di sicurezza con l’approssimarsi delle festività natalizie“, con il decreto legge n. 172 del 26 novembre 2021 recante “Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da covid-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali”, sono state introdotte nuove disposizioni nazionali in materia di controlli sul rispetto dell’obbligo del possesso delle”certificazioni verdi” di cui all’art. 9 del decreto-legge 52 del 22 aprile 2021.

Per questo, il prefetto di Foggia, Carmine Esposito, ha predisposto un piano provinciale con il quale sono stati resi esecutivi, a decorrere da lunedì 06 dicembre 2021, “mirati dispositivi di controllo nell’ambito delle attività economiche e dei servizi per i quali è richiesto agli utenti il possesso delle predette certificazioni, nella duplice forma del “Green Pass rafforzato” e del “Green Pass base”. “A tal fine – spiegano dalla Prefettura -, in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica è stato disposto il decisivo rafforzamento dei  servizi di controllo che saranno attuati, nei rispettivi ambiti di competenza, anche con modalità a campione, dalle Forze di Polizia e dal personale delle Polizie locali munito della qualifica di pubblica sicurezza.

All’attuazione dei suddetti controlli concorreranno, inoltre – proseguono -, il personale dei reparti specializzati delle Forze di Polizia e, in particolare, la Polizia Stradale, la Polizia Ferroviaria, nonché i reparti del N.I.L. e del N.A.S. dell’Arma dei Carabinieri, allo scopo di assicurare la capillare ed efficace azione di verifica in ordine al rispetto delle citate misure di prevenzione e contenimento della pandemia, specie nelle aree territoriali e nei comparti produttivi sensibili.

A tal fine, il citato Piano individua le principali aree comunali che, in relazione alla particolare vocazione aggregativa e alla presenza di attività economiche, costituiranno oggetto di una costante ed incisiva attività di controllo. La predetta pianificazione costituisce la risultante di una proficua attività di concertazione posta in essere con i soggetti istituzionali interessati. In particolare, l’interlocuzione con i rappresentanti delle aziende di trasporto locale ha consentito di acquisire informazioni utili alla definizione di una dettagliata pianificazione di controllo nell’ambito di tale comparto che sarà attuata, anche a campione, prevalentemente presso i nodi di interscambio modale delle lince del trasporto pubblico locale e nelle fasce orarie interessate dal maggiore afflusso di utenza. Il prefetto esprime un particolare richiamo all’attenzione nei confronti della cittadinanza e degli operatori economici – concludono -, il cui ruolo nell’attuale fase di ripresa economica, sociale e culturale del Paese risulterà decisivo”.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui