Centrosinistra isolato a Manfredonia. I 5 stelle virano verso destra: “Gianni Rotice la discontinuità”

Confermate le voci trapelate già in mattinata. In riva al golfo i pentastellati non sosterranno il centrosinistra al ballottaggio

E alla fine Gaetano Prencipe resta solo. Nessuno delle altre coalizioni vuole apparentarsi con il centrosinistra in vista del turno di ballottaggio in programma domenica 21 novembre. Domani a mezzogiorno il termine ultimo per presentare le eventuali alleanze. Sono ore frenetiche in riva al golfo dove si susseguono incontri, anche molto animati.

Da poco è terminata l’ennesima riunione in casa “Manfredonia 2050”, la coalizione composta dal Movimento 5 Stelle e dalle civiche Città Protagonista, La mia Città ed E885. Solo i pentastellati non firmeranno l’apparentamento per ovvi motivi (ma non vanno nemmeno con il centrosinistra), le altre liste sosterranno tutti il candidato del centrodestra, Gianni Rotice. “È il candidato che rappresenta la discontinuità”. (In alto, Rotice con Ronzulli di Fi; nel riquadro, il candidato M5S Fatone)



In questo articolo: