Oltre 100 medici ‘no vax’ nel Foggiano, l’anatema: “È il vaccino Covid che fa male, ve ne accorgerete”

De Paolis: “Sospensione dallo stipendio come prima e più pesante conseguenza”

Oltre cento i medici foggiani non vaccinati, alcuni precipitosamente lo stanno facendo in queste ore. C’è chi si giustifica: i più anziani che non esercitano più, a esempio (ma è normale che un medico, a qualunque età, possa aver paura di un vaccino?). Le incongruenze sono molte, specie tra quelli in servizio. Ci sono – eccome – gli irriducibili, a quanto pare nemmeno la sospensione dallo stipendio potrà scalfirne la granitica convinzione. “È il vaccino Covid che fa male, ve ne accorgerete”, risponde uno di questi no vax in camicie bianco. Parole che pronunciate così a bruciapelo somigliano a un anatema: come se milioni di vaccinati nel mondo debbano aspettarsi il peggio da un momento all’altro oppure più avanti «tra dieci anni», come ripetono da mesi i più incalliti miscredenti sui social.

Passiamo alla situazione foggiana: “Non è tollerabile che un medico in servizio non abbia ancora provveduto a mettersi in regola”, tuona il presidente dell’Ordine dei medici Pierluigi De Paolis. Il conto alla rovescia è cominciato: venerdì 15 è dietro l’angolo. Cosa succederà a chi non si vaccina? “Verrà emesso un provvedimento cautelativo di sospensione, non disciplinare, fino al 31 dicembre 2021”, risponde il presidente dell’Ordine. Più pesanti le conseguenze sul lavoro: la sospensione dallo stipendio come prima e più pesante conseguenza.

CONTINUA LA LETTURA

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come





Change privacy settings