A Foggia arriva la ministra della Giustizia, Marta Cartabia. Ospite dell’Università per un dialogo con gli studenti

Il rettore: “Siamo lieti e onorati. Lavoriamo duramente per renderci quanto più possibile portavoce di valori e temi che ora più che mai hanno un’importanza fondamentale”

Mercoledì 13 ottobre sarà ospite dell’Università di Foggia la ministra della Giustizia Marta Cartabia. In occasione di un evento pensato interamente per gli studenti e moderato da Donatella Curtotti, direttrice del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Unifg, la ministra Cartabia e Tano Grasso saranno accolti all’interno dell’Aula Magna del Dipartimento di Economia “Valeria Spada” (Via Caggese, 1) alle ore 10.30.

L’appuntamento si inserisce all’interno del ciclo di incontri su mafia e antimafia organizzati dall’Università di Foggia e che stanno riscuotendo successo, raccogliendo attorno al delicato tema la comunità accademica e l’intera cittadinanza. In attesa di ricevere il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che inaugurerà l’anno accademico dell’Università di Foggia il 25 ottobre, questo si configura come uno degli eventi che permettono all’Unifg di farsi portavoce di confronti importanti per il territorio.

“Siamo lieti e onorati di poter ospitare anche la ministra Cartabia – ha detto il rettore dell’Università di Foggia, Pierpaolo Limone –. Stiamo lavorando duramente per renderci quanto più possibile portavoce di valori e temi che ora più che mai hanno un’importanza fondamentale. L’Università di Foggia può e deve essere una parte sana di questa terra così complessa, sapere che le istituzioni e lo stesso Presidente della Repubblica decidano ogni giorno di appoggiare la nostra sfida ed essere al nostro fianco per noi è fonte di orgoglio e stimolo a fare sempre più. Scegliamo ogni giorno di lavorare per far crescere il nostro territorio con e per i giovani che ci danno fiducia, continueremo a lavorare per i nostri studenti anche organizzando momenti di confronto come questo.”



In questo articolo:


Change privacy settings