Far West San Severo, trovato fucile tipico degli agguati mafiosi: un arresto. Controlli a tappeto dopo scia di sangue

Polizia di Stato in azione nella città dei campanili. Sotto sequestro un’ingente quantità di munizionamento di diverso calibro

Le operazioni, ad opera della Polizia di Stato, di prevenzione e contrasto all’attività criminale procedono senza sosta nel comune di San Severo. Nei giorni scorsi agenti della squadra mobile e del commissariato di polizia di San Severo, coadiuvati dal Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Settentrionale”, hanno eseguito alcune perquisizioni nei quartieri ad alta densità criminale del comune di San Severo.

L’attività ha permesso di rinvenire, all’interno di un appartamento, diverso materiale di provenienza illecita, in particolare, un fucile alterato calibro 12 (solitamente utilizzato in agguati di mafia), con calciolo e canna liscia mozzata artigianalmente, e un’ingente quantità di munizionamento di diverso calibro. Quanto rinvenuto è stato sequestrato a carico di F.S., pregiudicato classe ’82, arrestato e condotto immediatamente in carcere, su disposizione dell’autorità giudiziaria per il reato di detenzione abusiva di arma modificata e munizionamento. Sono in corso tutti gli accertamenti volti a rilevare eventuali collegamenti con la scia di sangue che ha interessato il comune di San Severo nell’ultimo periodo.



In questo articolo:


Change privacy settings