Curva Covid in calo, i nuovi casi sono 1.325 con il tasso di positività che rimane stabile allo 0,7%. I decessi sono 37

Nuovo bollettino del ministero della Salutesull’andamento del Covid in Italia. Nelle ultime 24 ore tornano a scendere leggermente i contagi, ma resta stabile il tasso di positività. Diminuiscono più nettamente i decessi che scendono sotto quota 50  e continua l’allentamento della pressione ospedaliera. Buone notizie anche dal dato sugli attualmente positivi: il numero dei casi attivi scende sotto quota 100mila, per la prima volta dal 15 ottobre 2020, quando eravamo nella fase di crescita della seconda ondata. Intanto secondo il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe continua il calo di tutte le curve: rispetto alla settimana precedente scendono nuovi casi, morti per Covid e malati attivi. Prosegue anche la discesa sia dei ricoveri sia delle terapie intensive. Quest’ultimo dato è confermato anche da Agenas, secondo cui è solo del 5% il tasso di occupazione delle terapie intensive, con tutte le regioni sotto la soglia di allerta, e del 5% quello dei posti letto nei reparti.  

CureVac, il vaccino ha fatto flop. Caos Ue, ordinate milioni di dosi

Il trend in miglioramento non minaccia l’allentamento delle restrizioni. Dal 21 giugno tutta l’Italia entrerà in zona bianca, ad eccezione della Valle d’Aosta, che dovrà attendere il 28 giugno, ma vedrà abolito il coprifuoco, e si va verso lo stop per le mascherine all’aperto, che in Francia è partito già da oggi. Preoccupa però la variante Delta responsabile del rinvio della fine delle restrizioni in Gran Bretagna. La mutazione ex-indiana è molto contagiosa e già in 7 regioni sono stati rilevati focolai, ma il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri rassicura: “non elude il vaccino”.

Stato d’emergenza, governo diviso. Salvini all’attacco: no alla proroga

Il monitoraggio Gimbe

Il monitoraggio indipendente rileva nella settimana 9-15 giugno 2021, rispetto alla precedente, una diminuzione di nuovi casi (11.440 vs 15.288) e decessi(411 vs 469). In calo anche i casi attualmente positivi (105.906 vs 181.726), le persone in isolamento domiciliare (102.069 vs 176.353), i ricoveri con sintomi (3.333 vs 4.685) e le terapie intensive (504 vs 688). Inoltre, da 9 settimane sono in costante calo anche i decessi, che nell’ultima settimana si attestano in media a 59 al giorno. Da ormai 5 settimane però, rileva il report, il numero di persone testate si è ridotto del 31,5%, scendendo da 3.247.816 a 2.223.782. “Da 13 settimane consecutive – dichiara Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione – si registra una discesa dei nuovi casi settimanali. Se la costante riduzione del rapporto positivi/casi testati attesta una ridotta circolazione del virus, la progressiva diminuzione dell’attività di testing sottostima il numero dei nuovi casi e documenta la mancata ripresa del tracciamento dei contatti, fondamentale in questa fase della pandemia”.

Sul fronte delle vaccinazioni ormai metà della popolazione italiana ha ricevuto una dose, ma mancano all’appello ancora milioni di over 60 e il 24,4% ha completato il ciclo vaccinale (n. 14.467.292). Nell’ultima settimana sono state raggiunte 3.892.072 milioni di somministrazioni, con una media mobile a 7 giorni di 537.765 mila inoculazioni al giorno. L’85,2% degli over 60 ha ricevuto almeno la prima dose di vaccino, con alcune differenze regionali: se la Puglia ha superato il 90% la Sicilia è sotto il 75%. Nella popolazione di età superiore ai 60 anni, dunque, conclude il report, ben 2,66 milioni non hanno ancora ricevuto nemmeno la prima dose di vaccino e 6,2 milioni devono completare il ciclo vaccinale. “Riguardo al nuovo caos AstraZeneca – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione – se nell’attuale contesto di bassa circolazione virale è totalmente condivisibile la decisione di limitare questo vaccino agli over 60, emergono alcune perplessità in merito all’obbligo di effettuare negli under 60 la seconda dose con vaccino a mRNA, già ribattezzata come eterologa“.

Mix di vaccini: opzione o obbligo? L’appello di Gimbe

Il bollettino Covid

È in calo la curva epidemica in Italia. I nuovi casi sono 1.325, contro i 1.400 di ieri, e soprattutto i 2.089 di giovedì scorso. Effettuati 200.315 tamponi, circa 3mila meno di ieri, con il tasso di positività che rimane stabile allo 0,7%. I decessi sono 37 (ieri 52), per un totale di 127.190 vittime dall’inizio dell’epidemia. Si allenta ancora la pressione sulle strutture sanitarie: le terapie intensive sono 27 in meno (ieri -33) con 15 ingressi del giorno, e scendono a 444, mentre i ricoveri ordinari sono 176 in meno (ieri -269), 2.888 in totale. La regione con più casi odierni è la Lombardia (+232), seguita da Sicilia (+228), Campania (+131), Lazio (+119) e Puglia (+90). I contagi totali salgono così a 4.249.755. I guariti sono 4.533 (ieri 5.399), per un totale di 4.023.957. Sempre in calo il numero degli attualmente positivi, 3.247 in meno (ieri -4.051): i malati ancora attivi sono ora 98.608, per la prima volta sotto quota centomila dal 15 ottobre 2020. Di questi, sono in isolamento domiciliare 95.276 pazienti.

I dati sul Coronavirus in Italia del 16 giugno

Dati dalle regioni / Lombardia

Nelle ultime 24 ore in Lombardia sono stati registrati 232 nuovi casi e 4 morti. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione salgono a 33.746. I tamponi processati sono 37.653, con un indice di positività dello 0,6%. I pazienti Covid in terapia intensiva calano a 90 (-2), mentre i ricoverati sono 496 (-38). La situazione dei contagi nelle province: nel Milanese sono stati rilevati 94 nuovi positivi, di cui 62 a Milano città, a Bergamo +25, Brescia +23, Como +11, Cremona +7, Lecco +4, Lodi +2, Mantova +5, Monza e Brianza +15, Pavia +6, Sondrio +13 e Varese +15.

Sicilia

Sono 228 i nuovi casi di Covid scoperti in Sicilia tra ieri e oggi grazie a 13.206 tamponi. Nelle ultime 24 ore nell’Isola si sono contate anche 330 guarigioni, mentre il numero totale dei decessi per la prima volta è fermo al dato di ieri: 5.928. Gli attuali contagiati scendono sotto quota seimila sono 5.901, 102 in meno rispetto a ieri. Scende ulteriormente il numero dei ricoverati in ospedale: quelli in regime ordinario sono passati dai 292 di ieri ai 283 di oggi, mentre in terapia intensiva o sub-intensiva il numero complessivo dei pazienti è calato da 36 a 35.

Campania

Sono 131 i nuovi casi di Covid in Campania nelle ultime 24 ore, di cui 52 sintomatici, su 9.212 tamponi molecolari. I tamponi antigenici sono 5.518. I deceduti sono 8, 4 nelle ultime 48 ore e 4 in precedenza ma registrati ieri. Negli ospedali dei 656 posti letto di terapia intensiva, ne sono occupati 23, mentre dei 3.160 posti letto di degenza, compresi quelli da privati, ne sono occupati 334.

Lazio

“Oggi su oltre 9mila tamponi nel Lazio (-2.048) e oltre 15mila antigenici per un totale di oltre 24mila test, si registrano 119 nuovi casi positivi (-24), i decessi sono 8 (-3), i ricoverati sono 368 (-24). I guariti 461 e le terapie intensive sono 81 (-4). Il rapporto tra positivi e tamponi è al 1,3%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende al 0,4%. I casi a Roma città sono a quota 66. L’incidenza è scesa a 18 casi ogni 100.000 abitanti”. Lo rende noto l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato.

Puglia

L’1,31% dei 6.844 test processati in Puglia per accertare l’infezione da Coronavirus ha dato esito positivo. Si tratta di 90 nuovi contagiati di cui 24 accertati in provincia di Lecce, 20 in quella di Bari, 16 nel brindisino, 12 nella Bat, 10 nell’area ionica e 6 nel foggiano. Un altro caso riguarda un residente fuori regione e di un altro non è nota la provincia di residenza. Gli attualmente positivi sono 10.231 di cui 237 ricoverati: 15 in meno rispetto a ieri. Le vittime sono state 2 e sono state registrate nelle province di Lecce e Taranto. Cresce invece di 886 unità  rispetto a ieri il numero dei guariti.

Emilia-Romagna

Oggi in Emilia- Romagna si registrano 89 nuovi casi scoperti sulla base di oltre 16.800 tamponi totali delle ultime 24 ore. L’età media nuovi contagi è molto bassa, 33,5 anni. Si registra anche un decesso di una donna nel Parmense. Calano i ricoveri: meno 15 pazienti nei reparti Covid (245 in totale) e meno 2 in terapia intensiva dove con 49 degenti totali si scende sotto quota 50. In discesa anche l’incidenza settimanale dei nuovi casi di Coronavirus che sono 17 su 100mila abitanti.

Piemonte

Nessun decesso si è verificato oggi Piemonte, dove il totale delle vittime da inizio emergenza rimane fermo a 11.684. Nelle ultime 24 ore si registrano 72 nuovi casi di Coronavirus, pari allo 0,4% di 17.497 tamponi eseguiti, di cui 11.545 antigenici. Dei 72 nuovi casi, gli asintomatici sono 29 (40,3%). Negli ospedali i ricoverati in terapia intensiva sono 37 (-2 rispetto a ieri), mentre i pazienti Covid nei reparti ordinari sono 245 (-27 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono invece 1.777.

Calabria

Sono 69  i contagi delle ultime 24 ore in Calabria con 2.300 tamponi effettuati e un tasso di positività del 3% (ieri 2,73%). Le vittime sono 3, ma un decesso registrato oggi si riferisce al 10 aprile – con il totale che sale a 1.217. I netto calo (-17) i ricoverati in area medica (123) mentre si registra un nuovo ingresso in terapia intensiva (11). I casi attualmente attivi in regione sono 7.336 e i guariti 147 in più rispetto a ieri.

Veneto

Prosegue la discesa dei contagi Covid e dei dati ospedalieri legati all’epidemia in Veneto. I nuovi casi di positività nelle ultime 24 ore sono stati 61 e fanno salire il totale dei contagi a 424.853 dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Il report delle vittime invece non registra nessun nuovo decesso e resta fermo a 11.601, il dato di ieri. Negli ospedali scendono giorno dopo giorno i dati dei ricoveri: sono 365 (-7) i posti letto occupati da malati Covid, dei quali 320 (-6) in area medica, e 45 (-1) in terapia intensiva.

Toscana

In Toscana sono 243.680 i casi totali di positività, 60 in più rispetto a ieri, scoperti dall’analisi di 7.536 tamponi molecolari e 6.558 tamponi antigenici rapidi. Oggi si registrano 6 nuovi decessi: 4 uomini e 2 donne con un’età media di 75,3 anni. Gli attualmente positivi in regione sono 3.641 (-5,7% rispetto a ieri): di questi i ricoverati sono 200 (23 in meno rispetto a ieri), di cui 42 in terapia intensiva (8 in meno).

Basilicata

In Basilicata ieri sono stati processati 725 tamponi molecolari: 31 sono risultati positivi Covid. Nelle ultime 24 ore in regione non è stato registrato nessun decesso; il totale delle vittime è quindi fermo a 565. Le persone ricoverate negli ospedali sono 37 (come ieri), nessuna delle quali in terapia intensiva. Il numero dei lucani attualmente positivi è sceso da 2.788 a 2.723, mentre i guariti sono aumentati di 96 unità.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 3.621 tamponi molecolari sono stati rilevati 21 nuovi contagi con una percentuale di positività dello 0,58%. Sono inoltre 1.882 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2 casi (0,11%). Nella giornata odierna si registra poi un decesso a cui se ne associa uno pregresso. I ricoveri nelle terapie intensive scendono a 1 mentre quelli in altri reparti risultano essere 7.

Abruzzo

Sono 22 i casi di Covid registrati oggi in Abruzzo e risultati dai 3.736 test eseguiti (2.352 tamponi molecolari e 1.384 test antigenici), con il totale dei contagi che, da inizio emergenza, sale a 74.545. Il tasso di positività del giorno, è quindi pari a 0.6%. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2.507. Gli attualmente positivi in regione sono 1.302 (-57 rispetto a ieri): di questi sono 56 i pazienti (-5 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale nei reparti non critici, 1 (-2 rispetto a ieri con 0 nuovi ingressi) in terapia intensiva, mentre gli altri 1.245 (-50 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Marche

Nelle Marche nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 21 casi di positività in base a 1.185 nuove diagnosi (1,8%). In tutto sono stati testati 2.265 tamponi: 1.185 nel percorso nuove diagnosi (339 screening con percorso Antigenico) e 1.080 nel percorso guariti.  Sono due i nuovi decessi che fanno salire a 3.030 le vttime totali dall’inizio della crisi pandemica. Continua a scendere il numero dei ricoverati che sono complessivamente 48, uno in meno rispetto a ieri: nelle terapie intensive ci sono 8 pazienti, come ieri, nelle aree di semi-intensiva sono assistiti in 13 (-4) e gli altri 27 pazienti (+3) sono ricoverati nei reparti non ciritici.

Liguria

In Liguria si registrano 18 nuovi casi positivi a fronte di 4.409 test eseguiti (2.647 molecolari e 1.762 antigenici) per un’incidenza pari allo 0,41. Nelle ultime 24 ore non è stato segnalato nessun decesso. Negli ospedali i ricoverati sono 41 (-7 rispetto a ieri); nove i pazienti in terapia intensiva. In isolamento domiciliare ci sono invece 247 persone.

Le altre regioni

In Umbria non si segnalano altri deceduti, mentre crescono i contagi che oggi sono 19. Quinto giorno senza decessi in Alto Adige dove si registrano 19 contagi. Una vittima e 11 nuovi positivi in Trentino. Nessun morto e solo 3 contagi in Sardegna. In Molise 4 casi. Solo 3 dei 158 tamponi effettuati in Valle d’Aosta hanno dato esito positivo.



In questo articolo:


Change privacy settings