Cartucce e liquido infiammabile, “avvertimento” nel cantiere della villa comunale di Monte Sant’Angelo. Si indaga

Torna l’ombra della criminalità organizzata sulla città dell’Arcangelo. La villa attende un rifacimento da molti anni

Trovate cartucce e liquido infiammabile sull’escavatore di un’azienda che sta effettuando alcuni lavori nel cantiere della villa comunale di Monte Sant’Angelo. Un avvertimento sul quale sono in corso accertamenti da parte delle forze dell’ordine. La villa comunale di Monte attende un rifacimento da molti anni; i lavori sono partiti di recente.

“L’ennesimo atto intimidatorio ad un’impresa del territorio che lavora nella nostra città – ha commentato il sindaco, Pierpaolo D’Arienzo -. Questa mattina, infatti, sono state ritrovate delle cartucce a pallettoni e del liquido infiammabile nei pressi del cantiere della Villa comunale. Un chiaro messaggio della criminalità all’impresa che sta operando. Il lavoro è diritto, è merito, non è sopruso né pretesa. Solo un’economia libera e sana può far crescere questo territorio. Agli autori che hanno compiuto questo vile gesto dico che è finito il tempo in cui potevano inquinare la nostra economia, la nostra immagine, lo sviluppo e il futuro di una comunità. Le forze dell’ordine stanno indagando. Ma rivolgo lo stesso un appello a chiunque abbia visto o sentito qualcosa: fatevi avanti, anche mantenendo l’anonimato se ritenete. Ma, per favore, denunciate! Noi, dal nostro canto, continueremo a combattere questi fenomeni proprio attraverso la bellezza, la stessa bellezza che stiamo restituendo a quei luoghi oggi oggetto di riqualificazione”.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come



In questo articolo:


Change privacy settings