Lavorava in nero intascando il reddito di cittadinanza, blitz ispettori nel Foggiano. Scoperte violazioni di alcune imprese edili

Irregolarità in aziende della provincia di Foggia e della Bat. I controlli dell’Ispettorato del Lavoro scovano gli imprenditori furbetti

L’ispettorato Territoriale del Lavoro di Foggia conferma il proprio determinante ruolo di vigilanza sui cantieri edili effettuando controlli sul rispetto delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, legislazione sociale e anticovid. “Detti controlli – si legge in una nota divulgata alla stampa dall’Ispettorato del Lavoro di Foggia – hanno interessato l’intera provincia, comprendendo anche i comuni della BAT di propria competenza. Nel corso dell’attività – riporta il comunicato – è stata accertata la presenza di un lavoratore non assunto, percettore di reddito di cittadinanza e, conseguentemente, sono state adottate le determinazioni del caso. Due aziende sono risultate irregolari ed è stata riscontrata la presenza di due lavoratori sprovvisti di regolare assunzione”.

E ancora: “Sono stati adottati due provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale in applicazione della normativa vigente ed è stata comminata conseguente sanzione pari a 4mila euro. Sono state accertate quattro violazioni amministrative in materia di lavoro e legislazione sociale, con conseguente sanzione pari a 11.628,50 euro. Sono state, inoltre, riscontrate quattro violazioni penali in materia di sicurezza, con conseguenti sanzioni per un importo pari a 19.656,10 euro”.



In questo articolo: