L’epilogo della storia di Marco Ferrazzano, Gesualdo: “Quando i gravi episodi di bullismo portano al suicidio”

L’appello degli psicologi di Puglia: “Bullismo e utilizzo malato dei social, un mix letale che deve essere denunciato”

“Marco Ferrazzano era scomparso da un mese e la conferma della sua morte, oltre ad addolorare, non può che far riflettere sul dramma profondo che vivono i ragazzi vittime di bullismo e al sostegno professionale che deve essere fornito affinché non si trasformino in una tragedia, come in questa triste occasione”.
A parlare è Vincenzo Gesualdo, presidente dell’Ordine degli Psicologi di Puglia. “Marco era un soggetto fragile ed era seguito da anni da professionisti. A questo si sono aggiunti gravi atti di bullismo non solo nella città in cui è nato e cresciuto ma anche al nord, dove viveva il papà. Cambiare città non lo ha liberato, ha trovato la stessa oppressione e la stessa paura di vivere a chilometri da casa. Le vessazioni di gruppi di ragazzini che non solo lo deridevano dal vivo, ma pubblicavano le violenze sui social”

Gesualdo vuole soffermarsi su questo punto: “Bullismo e utilizzo malato dei social è un mix letale, sempre. È un gesto ignobile di per sè, il bullismo è sempre da condannare e purtroppo abbiamo avuto modo di farlo in molte altre occasioni. Diventa devastante però quando gli atti di derisione e violenza reale, sia fisica che morale, portano ad un tragico epilogo come è avvenuto con Marco che ha deciso di compiere il gesto più estremo. Togliersi la vita significa non aver più la forza di lottare, l’amore della famiglia non è bastato”.

Era troppo spaventato e dominato dai suoi aguzzini e si rifiutava di parlarne in casa, eppure erano evidenti i lividi sul corpo, solo un piccolo segno delle lacerazioni nella sua anima. Gesualdo prosegue: “È altresì inquietante il modo in cui gli atti dei bulli si riflettano sulla società. La paura dei ragazzi vittime del branco si amplifica sulle loro famiglie che non denunciano per paura di ritorsioni. Siamo spaventati dall’omertà latente che impedisce di trovare in tempi brevi i responsabili. Come detto, il mix tra bullismo e social è letale e invitiamo quanti hanno visionato i video, ormai scomparsi dal web, a denunciare. C’è bisogno di farsi coraggio anche in nome degli altri ragazzi vittime dei gruppi di violenti, che spesso non arrivano a comprendere quanto i loro atti di goliardia, pur vile e disonorevole, possano diventare letali, come nel caso del povero Marco Ferrazzano”.





Change privacy settings