Bufera sui “consiglieri” del presidente Emiliano. “Fa entrare dalla finestra candidati non eletti”

Dopo Riccardi e Cusmai è la volta di Abaterusso con delega ai rapporti con il Ministero della Salute. “C’è il rischio che Lopalco resti confinato”

Continuano le polemiche attorno ai “consiglieri” scelti dal governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano. Dopo la nomina dell’ex sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi (settore Ambiente) sul quale grava lo scioglimento per mafia del Comune e di Rosario Cusmai (settore Enti locali), candidato alle scorse Regionali con “Italia in Comune” ma non eletto, ora in Puglia fa rumore la nomina di Ernesto Abaterusso. Per quest’ultimo si è aperto un varco nel settore sanitario. Sul caso è intervenuto, attraverso una nota, Ignazio Zullo di Fratelli d’Italia. “Avanti un altro! – tuona il politico di centrodestra -. Nulla contro le persone, ma appare evidente che la nomina di queste nuove figure, i ‘consiglieri’ del presidente, altro non è che un modo per fare entrare nella Regione, dalla finestra, candidati non eletti e quindi non entrati, dalla porta, nel Consiglio regionale che solo gli elettori avrebbero potuto aprire”.

“Nel caso di Ernesto Abaterusso – prosegue Zullo -, nominato consigliere con delega ai rapporti con il Ministero della Salute, ci sorge spontaneamente una domanda: ma se sarà lui a tenere i rapporti con il ministro Roberto Speranza, sicuramente in forza della sua amicizia, quale sarà il perimetro di azione dell’assessore Pierluigi Lopalco? C’è il rischio di confinarlo nell’emanazione giornaliera dei numeri. Ovviamente quelli del Bollettino epidemiologico. Spero che Lopalco rifletta!”, conclude Zullo.