Consegne a domicilio, i carabinieri intervistano oltre mille “riders”. Riflettori accesi sulle condizioni di lavoro nel mondo del “food delivery”

Durante il fine settimana, i carabinieri del Comando Tutela Lavoro e di tutti i Comandi Provinciali dell’Arma sul territorio nazionale hanno intervistato oltre mille “riders”, operanti per le principali “piattaforme virtuali“ del “food delivery”, al fine di acquisire informazioni utili alle indagini in corso, delegate all’unita specializzata dell’Arma dalla Procura della Repubblica di Milano, sulla gestione del rapporto di lavoro da parte delle “piattaforme“.

Le attività dei carabinieri si sono svolte su strada e contestualmente in tutte le province e hanno consentito di “fotografare”, attraverso la voce dei lavoratori e delle condizioni reali constatate sul territorio, le modalità di svolgimento del servizio e le forme di tutela loro garantite, sia sotto il profilo della sicurezza che sanitario.



In questo articolo:


Change privacy settings