Sindacalisti sotto tiro nel Foggiano, Emiliano tuona: “Noi non ci arrendiamo” e invoca “schiena dritta contro la mafia”

“Lo Stato è al nostro fianco in questa battaglia. A Foggia abbiamo inaugurato una sezione distaccata della Dia e desidero ringraziare la ministra Luciana Lamorgese per la sua presenza”

“Voglio esprimere la mia solidarietà e la mia vicinanza ai dirigenti dei sindacati che in questi giorni stanno subendo ignobili attacchi da parte della criminalità organizzata, nel foggiano.
Qualche giorno fa era toccato a un rappresentante della FIM CISL e questa notte ad un altro esponente dello stesso sindacato”. In una nota, il governatore Michele Emiliano ha commentato gli ultimi attentati dinamitardi ai danni dei sindacalisti della provincia di Foggia, Michele Longo e Donato Ambrosio.
“Voglio dirlo chiaramente: noi non ci arrendiamo e proseguiremo nella lotta alla criminalità e alla mafia. Lo Stato è al nostro fianco in questa battaglia. A Foggia abbiamo inaugurato una sezione distaccata della Dia e desidero ringraziare la ministra Luciana Lamorgese per la sua presenza e per il suo impegno saldo. La Puglia non si arrende e non si piega. Le istituzioni, le forze dell’ordine e i cittadini combattono ogni giorno – ha concluso il presidente della regione -, con la schiena dritta, contro mafia e criminalità”.


In questo articolo:


Change privacy settings