Atleti e dirigenti piangono il pivot Rino Russo, icona del basket foggiano. “Dava coraggio a tutto lo spogliatoio”

Mimmo Verile: “Rino era un battagliero, un guerriero, ha rappresentato una parte del basket foggiano. È stata una bandiera del nostro basket”

Rino Russo, basket

Rino Russo era un’icona del basket foggiano. A ricordarlo in queste ore di sconforto tantissimi amici della pallacanestro, tra dirigenti, allievi, compagni di squadra e di vita negli anni Settanta ed Ottanta.

Lo ricorda con affetto a l’Immediato anche Mimmo Verile, ex sindaco di Foggia e cestista.  “Come presidente e dirigente della GS Basket, abbiamo avuto il privilegio di avere tra le nostre fila il grande pivot Rino Russo. Dava coraggio a tutto lo spogliatoio, era un battagliero, un guerriero, ha rappresentato una parte del basket foggiano. È stata una bandiera del nostro basket. Le sue qualità di giocatore e di uomo, dai sani e profondi principi morali, le sue capacità di allenatore, la sua forza, la sua gioia di vivere saranno per noi un modello di gioco e di condotta morale. Cercheremo in lui sempre un esempio, il suo ricordo sarà incancellabile. È morto troppo presto, a 64 anni. È stato un grande atleta, lo ho avuto come allenatore e presidente del mio gruppo sportivo. Tutti quanti noi, dirigenti e atleti partecipiamo al grande dolore della famiglia”.





Change privacy settings