Mattinata, grave carenza di medici di base e poliambulatorio inutilizzato. Il caso finisce in Regione Puglia

Pochi camici bianchi e una struttura praticamente abbandonata. “Cattedrale nel deserto. Il primo piano è completamente vuoto, forse per mancanza di personale sanitario”, la denuncia di Gatta

“Un paese di quasi 6.500 abitanti con una gravissima carenza di medici di base ed un poliambulatorio quasi inutilizzato: chiedo un intervento urgente della Giunta regionale per l’assistenza sanitaria a Mattinata, sulle cui lacune presenterò nei prossimi giorni un’interrogazione diretta al presidente-assessore Michele Emiliano“. Lo afferma il consigliere regionale, Giandiego Gatta che nelle ultime ore ha acceso i riflettori sulla questione sanità nella farfalla bianca del Gargano.

“Per quanto concerne i medici di base, fino a qualche anno fa c’erano ben sei professionisti che operavano nel Comune – dice Gatta -. Oggi, a seguito di decessi e pensionamenti, ne sono rimasti solo tre e pare che nessuno alla ASL stia provvedendo per la formazione di graduatorie da cui attingere. Il che è gravissimo. Ma non basta: anche il poliambulatorio sembra una cattedrale nel deserto. È nuovo e spazioso, eppure è quasi interamente inutilizzato. Il primo piano, infatti, è completamente vuoto, forse per mancanza di personale sanitario. Ed anche le visite specialistiche effettuate sono pochissime, e non si capisce il perché. Inoltre, per fare il cambio di medico di base il cittadino si deve recare a Manfredonia. Mancano anche gli addetti agli uffici convenzioni? Insomma, un clima di abbandono di una struttura che, invece, potrebbe essere pienamente operativa a servizio del territorio. Mi auguro di ottenere risposte precise, ma soprattutto di suonare la sveglia ad un governo regionale che sembra lontanissimo dai problemi reali delle comunità ed intento solo a vendere fumo e frottole ai soliti allocchi”.



In questo articolo:


Change privacy settings