Gatti nella Direzione nazionale antimafia, riconoscimento al pm che da anni lotta contro clan di Foggia e Gargano

È un vero esperto del fenomeno criminale in Capitanata. Ha più volte raccontato i mutamenti delle batterie e la struttura familistica delle organizzazioni

Grande riconoscimento per Giuseppe Gatti, storico pm della DDA di Bari da anni in lotta contro le mafie foggiane e del Gargano. Per lui c’è il passaggio dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari alla DNAA Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo. Promozione anche per Roberto Sparagna e Domenico Gozzo secondo quanto deciso dal plenum del Consiglio superiore della Magistratura.

In magistratura da quando aveva 27 anni, il barese Gatti è anche co-autore con Gianni Bianco del libro ‘Alla mafia diciamo noi’. Spesso è a Foggia per seguire da vicino i processi ai clan della Società e del promontorio garganico. In passato fu anche obiettivo di un gruppo mafioso locale che voleva attentare alla sua vita. È un vero esperto del fenomeno criminale in Capitanata. Ha più volte raccontato i mutamenti delle batterie e la struttura familistica delle organizzazioni.



In questo articolo: